Coltivare il mango: che soddisfazione!

Ebbene sì, coltivare il mango non è solo possibile, ma dà anche ottimi risultati! Sebbene il frutto del mango sia una delle più note e saporite prelibatezze esotiche, non tutti ne conoscono la pianta. E – cosa più importante – non tutti sanno che Mangifera indica, questo il suo nome scientifico, può essere coltivata anche in Italia. Purché ci si trovi in regioni calde e purché si rispettino alcuni passaggi obbligati.
Le stagioni più indicate per la semina sono la primavera e l’estate. Durante l’inverno il nuovo nato dovrà essere tenuto al riparo, come avviene per ulivi e limoni.
Ma in che modo è possibile assicurarsi la nascita di una pianta di mango?

Il kit del mango-coltivatore

Innanzitutto occorre procurarsi un frutto di mango, un po’ di terriccio, un vaso, tovaglioli di carta e un sacchetto impermeabile trasparente. In secondo luogo sono necessarie pazienza, cura e accortezza. I passaggi importanti saranno quattro: conservazione del nocciolo, estrazione del seme, germinazione del seme, trapianto del seme.

Chi ben incomincia è a metà dell’opera

Se si ha intenzione di coltivare il mango, è necessario conservare un frutto di questa pianta: è proprio dal frutto, infatti, che si estrae il seme da piantare. Più precisamente si estrae dal nocciolo, che dovrà essere ripulito della polpa. Per rimuovere eventuali residui si consiglia di risciacquare bene sotto l’acqua del rubinetto. Per recuperare il seme del mango occorre un po’ di forza. Con un coltello affilato si otterrà una fessura e, piano piano, si estrarrà il seme. Va detto che le dimensioni di quest’ultimo variano a seconda delle dimensioni del frutto da cui lo si è prelevato.

seme mango

La “culla” del seme

Una volta estratto dal guscio, il seme dovrà essere avvolto in un tovagliolo di carta inumidito e messo all’interno di un sacchetto impermeabile e trasparente. Può essere utile un sacchetto per alimenti di quelli per la conservazione in freezer. In ogni sacchetto è possibile inserire uno o due semi. Si dovrà dunque gonfiare e chiudere il sacchetto, per poi riporlo accanto ad una finestra, in una zona ben illuminata.

Salute al nuovo nato

Perché il seme germogli e possa essere quindi piantato in vaso occorrono circa due settimane.
Una volta aperto il sacchetto, se il seme sarà secco o ricoperto di muffa dovrà essere buttato; in caso contrario, potrà essere trasferito in un vaso pieno di terriccio, arricchito con del compost casalingo. Anche questa fase richiede molta attenzione, per non danneggiare germogli e radici.
Il vaso va posto in pieno sole e innaffiato spesso. Per l’ottenimento dei frutti si consiglia l’innesto, possibilmente con l’aiuto di un esperto. Tuttavia la sola crescita della pianta sarà di per sé foriera di grandi soddisfazioni.

Mango

Proprietà e benefici del frutto

Come tutti i suoi colleghi, anche il mango – frutto dalla buccia rossa/gialla/verde e dalla polpa giallo arancio – ha effetti alquanto benefici sulla salute.
Studi recenti gli riconoscono proprietà antitumorali: il merito andrebbe a una sostanza antiossidante, il lupeol, che agirebbe positivamente in particolare sul pancreas. Alto è poi il contenuto di sostanze oligominerali, da cui derivano le proprietà lassative e diuretiche di questo frutto, particolarmente consigliato a chi soffre di ritenzione idrica e stitichezza. Il mango costituisce altresì un insostituibile ricostituente se si è stressati fisicamente o convalescenti. Con il frutto di Mangifera indica si possono curare anche tosse e raffreddore. Come? Facendo bollire la buccia nell’acqua e sorseggiando questo infuso, tiepido, tre volte al giorno per una settimana.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

1 commento
  1. Francesca
    Francesca dice:

    Salve,mi chiamo Francesca
    Avrei una domanda sulla piantina del mango che ho fatto germogliare,ora è in fase di crescita. Veramente sta crescendo a vista d’occhio. Vorrei sapere se è normale che le foglie siano di color rosso-marrone e poi sul fatto che il “tronco” sia più basso delle foglie. Mi spiego meglio,il tronco in una settimana è cresciuto di 12 cm e le prime 5 foglie sono lunghe 16 cm,quindi stanno piegando sul terreno. A me non sembra normale. Chi mi può aiutare a capire se è sana? Grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *