Siamo certi che la ricetta di chips di cavolo riccio che vi presentiamo non solo diventerà il vostro snack light preferito ma anche che stimolerà la vostra creatività in cucina!

Le chips di cavolo riccio, lo snack leggero perfetto!

Non sempre è facile trovare uno spuntino leggero, facile da preparare e da conservare. Proprio per questo le chips di cavolo riccio sono lo spuntino vegano perfetto, adatto a ogni momento della giornata, facili da portare anche fuori casa e davvero croccanti e gustose.

La ricetta delle chips è l’ideale per chi si vuole tenere in forma, proprio perché è uno spuntino ipocalorico e sano, non contiene carboidrati o grassi saturi, senza rinunciare al gusto.

Proprietà del cavolo riccio, un vero e proprio superfood

L’ingrediente fondamentale di questa ricetta è il cavolo riccio, considerato un vero supercibo per le sue innumerevoli proprietà. Non si tratta solo di un alimento ipocalorico, ma il cavolo riccio è noto anche per la sua funzione antiossidante, antitumorale e al contempo ricco di nutrienti com vitamina C, vitamina K, calcio, potassio, ferro e beta carotene.

Come si preparano le chips di cavolo riccio o kale chips

Dette anche kale chips, le chips di cavolo riccio si possono preparare grazie a un prezioso strumento, l’essiccatore. Diversamente dal forno, l’essiccatore consente di essiccare (e non cuocere) gli alimenti, mantenendoli a temperatura costante senza alterare le proprietà organolettiche del cibo. Inoltre, per chi segue i principi della dieta crudista, con l’essiccatore è molto semplice disidratare il cibo non superando i 42°C, con un elettrodomestico a bassi consumi.
Tuttavia, per chi non fosse ancora in possesso di un essiccatore, è possibile realizzare questa ricetta delle chips di cavolo riccio al forno, impostando al minimo la temperatura o lasciando le chips su una teglia solo con la luce accesa per 48 ore.

Questa ricetta è stata realizzata dallo chef Martino Beria con l’utilizzo del essiccatore Biosec di Tauro per il blog essiccare.com .

Nella nostra sezione dedicata all’essiccazione e alle ricette con l’essiccatore, non potevano mancare dei favolosi snack crudisti come questi crackers crudisti con semi di lino alla mediterranea!

Una ricetta veloce e sana: i cracker crudisti con semi di lino alla mediterranea

Se siete crudisti o semplicemente avete voglia di autoprodurre un cracker croccante e leggero per i vostri spuntini o per prepare degli antipasti veloci allora questa ricetta fa proprio al caso vostro!
Per realizzare questi deliziosi crackers con i semi di lino, useremo l’essiccatore, un elettrodomestico molto utile per realizzare tantissime ricette crudiste!

Come si usa l’essiccatore?

L’essiccatore è uno strumento molto utile per essiccare in maniera uniforme e rapida diversi tipi di frutta, verdura o impasti. Questo processo consente di disidratare lentamente e uniformemente il cibo, sempre alla stessa temperatura, ottenendo il risultato desiderato.
I migliori essiccatori consentono di posizionare gli alimenti su diversi vassoi e poi selezionare la temperatura desiderata, che per le ricette crudiste non dovrebbe mai superare i 42°C.
Si tratta di un elettrodomestico semplice e intuitivo, molto facile da pulito e a basso consumo energetico.

Cracker crudisti con semi di lino: ricetta, varianti e abbinamenti

Il cracker crudisti con semi di lino alla mediterranea sono solo una delle tante ricette con l’essiccatore e si possono realizzare in moltissime varianti aggiungendo o modificando gli ingredienti a nostro piacimento. Per esempio, in questa versione li abbiamo aromatizzati con dell’origano, ma potete sempre usare del basilico fresco o del timo.
La ricetta richiede davvero pochi passaggi e ingredienti, inoltre, non contiene glutine quindi è adatta ai celiaci.
Invece dei semi di canapa, potrete utilizzare delle mandorle o dei semi di girasole: le possibilità di personalizzare questa ricetta sono praticamente infinite!
Infine, oltre all’essiccatore vi servirà un buon robot da cucina, una spatola e dei fogli antiaderenti per essiccatore.
E una volta fatti, come si mangiano? Li potete gustare così come sono, li potete abbinare a un formaggio vegan di anacardi e pinoli o a completamento di una bella insalata!