Articoli

Consigli utili per avere verdure fresche più a lungo

A volte andiamo a fare la spesa e siamo colti da shopping compulsivo, ci andiamo a stomaco vuoto o per questioni di tempo possiamo rifornire frigo e dispensa soltanto una volta a settimana e quindi riempiamo il carrello il più possibile: le verdure se non consumate in fretta rischiano di deteriorarsi prima di poterle mangiare, ecco alcuni consigli per mantenerle fresche più a lungo!

  • Le carote, una volta private del ciuffo verde, si mantengono più a lungo se riposte in frigo in un contenitore chiuso e ben inumidite. Ricordate che i ciuffi di carote non vanno assolutamente buttati e si possono utilizzare per molte ricette!

  • Per far si che il vostro sedano non marcisca velocemente basterà riporlo in un vaso non troppo alto o in una ciotola piena d’acqua.

  • Le zucchine, invece, durano di più se avvolte in un canovaccio e lasciate sul bancone della cucina o in frigo.

  • Non serve che mettiate le melanzane in frigo! Si mantengono benissimo anche a temperatura ambiente, il trucco sta nel non lavarle fino a che non è il momento di preparare una qualche ricetta!

  • Le biete si conservano a lungo se private delle cime e riposte in un contenitore aperto, coperto da uno straccio umido.

  • Cipolle, scalogni, aglio e patate vanno tenute in un luogo buio o in un contenitore arieggiato che non lasci trapassare la luce.

  • I pomodori si mantengono meglio sul bancone della cucina piuttosto che in frigo.

  • Tenete i peperoni lontano da luoghi umidi e manteneteli belli asciutti.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Maoz Vegetarian: la catena fast-food 100% vegetarian!

Avete mai sentito parlare di Maoz Vegetarian? Noi lo abbiamo scoperto per caso a Barcellona qualche anno fa e ne siamo stati piacevolmente sopresi! Per chi non ne avesse mai sentito parlare Maoz Vegetarian è una catena di ristoranti fast-food che serve cibi esclusivamente vegetariani con l’obiettivo di diffondere lo stile di vita vegetariano in tutto il mondo. Un po’ di storia. La catena è stata fondata dai due coniugi israeliani Nahman Mili e Sima Bar-On residenti ad Amsterdam nei Paesi Bassi. Il primo ristorante è stato aperto nel 1991 ad Amsterdam, mentre il primo negozio al di fuori dei Paesi Bassi è stato inaugurato nel 1996. Oggi, la catena Maoz è diffusa in diverse parti del monto, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Spagna e Francia. Quindi se vi trovate da quelle parti e non sapete dove andare a parare per trovare un pasto totalmente vegetariano pronto in poco tempo, di buona qualità e a un prezzo contenuto, Maoz fa al caso vostro. In Spagna, in particolare, dove la cultura vegetariana non è ancora entrata a far parte della mentalità comune e dove i menù tipici scarseggiano di piatti senza alimenti di origine animale, Maoz è proprio quel che ci voleva! I menù proposti variano dal classico menù panino pita colmo di verdura fresca e cotta, falafel, hummus e melanzane con una bibita e le patatine fritte (Belgian Fries), alle insalate con falafel o melanzane fritte e succhi freschi. La possibilità di scegliere cosa mettere nel panino consente al cliente di personalizzare il panino mettendoci dentro quel che più gli piace, abbondando se vuole di uno o di un altro ingrediente rispetto a un altro. La catena ha previsto, inoltre, che i menù si adattino anche alla scelta vegan e alle necessità degli intolleranti ai latticini, ma soprattuto dei celiaci, preparando anche dei falafel gluten-free. Collegandovi al sito ufficiale di Maoz Vegetarian www.maozusa.com potrete conoscere gli ingredienti, i menù, i valori nutrizionali e trovare la mappa dei ristoranti Maoz nel mondo. In più, se avete voglia di aprire un Maoz nella vostra città, troverete le indicazioni per entrare a far parte di questo franchising. Speriamo che prima o poi Maoz arrivi anche in Italia con i suoi golosissimi panini pronti da mordere!

Seguici su facebook, twitter, pinterest.

Recipes

Una delle cucine più speziate e affascinanti è sicuramente la cucina indiana, così poliedrica, così vivace e colorata.. ma soprattutto così vegetariana di natura.

E’ vero, vegetariana non significa vegana, dato che in India per cucinare si usa molto il ghee (o burro chiarificato), il latte e lo yogurt. Tuttavia, non è difficile sostituire i derivati del latte per ricreare piatti sensazionali come il baingan bartha, la deliziosa crema di melanzane indiana.

Il baingan bartha e altre ricette indiane, tutta la seduzione del cibo

Se avete avuto modo di visitare l’India o se più semplicemente avete cenato in un buon ristorante indiano della vostra città, avrete assaggiato piatti apparentemente molto semplici e concreti come Ricetta naan, il riso basmati con diversi tipi di curry di ceci, i deliziosi samosa o un confortante dhal di lenticchie.
Questi piatti potranno sembrare molto concreti e poco sofisticati, ma è proprio il loro aspetto diretto che inganna, perché una volta che le vostre mani spezzano il naan caldo, lo intingono in un cremoso e profumato baingan bartha e portano il boccone alle papille gustative, il palato s’innamora, sedotto da tanti inebrianti sapori.

Come affumicare le melanzane in casa

Il segreto della ricetta del baingan bartha è sicuramente l’affumicatura delle melanzane. La buona notizia che vi diamo è che anche a casa vostra potrete ricreare un’affumicatura più che soddisfacente senza affumicatore, utilizzando strumenti che sicuramente avete in casa, come una piastra o una griglia.
Se poi siete così fortunati da avere in casa un forno da pizza… beh, allora è lì che dovrete cuocere le vostre melanzane per ottenere un risultato superlativo!