Articoli

Che meraviglia la primavera! Il risveglio della natura, le prime piogge profumate di fiori e la frizzante aria marzolina ci ristorano e ci risvegliano dal torpore invernale. Tuttavia, il cambio delle temperature e l’allungarsi progressivo delle giornate possono costituire dei fattori di stress per il nostro organismo, che può soffrire di stanchezza e diminuzione delle energie. Il cambio di stagione, inoltre, può provocare anche dei fastidiosi problemi cutanei: quanti di noi sono costretti a fare i conti con l’inevitabile perdita dei capelli?

Questo problema molto comune, che infastidisce le donne ma non risparmia neppure i maschietti, è dovuto al naturale ricambio che vede cadere i vecchi capelli per far spazio ai nuovi, più forti e sani (fenomeno tipico della primavera ma anche dell’autunno). Un valido aiuto può derivare da una sana alimentazione ricca di frutta e verdura (possibilmente crude), ricche di vitamine, minerali e antiossidanti. Ma quando la dieta non basta o si vogliono potenziarne i benefici, ci può venire in supporto la natura, che ci aiuta regalandoci qualche ingrediente da utilizzare direttamente sulle nostre chiome sotto forma di maschere e impacchi, ovviamente ecobio.

A questo proposito vi presento una ricettina molto facile ed economica, ecobio e completamente vegan, realizzata con ingredienti naturali e facilmente reperibili al supermercato. Si tratta di una maschera per capelli naturale, la cui efficacia è dovuta alle proprietà miracolose dello zenzero, dell’olio di jojoba e della curcuma. Applicata con regolarità (2 volte a settimana circa) prima dello shampoo, garantisce un risultato eccezionale… provare per credere!

Ingredienti:

  • 1 radice di zenzero fresco
  • 2 cucchiaini di olio di jojoba
  • 3 cucchiaini di zenzero in polvere (facoltativo)
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere
  • 10 gocce di olio essenziale a scelta tra rosmarino, tea tree, lavanda, limone, geranio o curcuma

Procedimento:

Grattugiate la radice di zenzero fresco, in modo da ottenere una poltiglia abbastanza acquosa; quindi aggiungete l’olio di jojoba, e mescolate bene. A questo punto, la maschera è già potenzialmente pronta, ma la consistenza abbastanza liquida non ne facilita l’applicazione: per questo potete addensare il composto con dello zenzero in polvere e/o della curcuma. Se usate la curcuma, però, non esagerate con le dosi, in quanto questa polvere tende a colorare la pelle (in questo caso cuoio capelluto e mani): comunque non vi preoccupate, con lo shampoo ogni traccia di colore scomparirà! A piacere potete aggiungere una decina di gocce dell’olio essenziale che preferite tra quelli elencati sopra.

Modo d’uso:

Applicate la maschera prima dello shampoo, e lasciatela in posa per circa 30 minuti. Massaggiate accuratamente la cute con i polpastrelli per stimolare il flusso sanguigno del cuoio capelluto (a questo punto avvertirete un leggero pizzicore), e sigillate la maschera con della pellicola per alimenti e con un asciugamano, per favorire la penetrazione degli ingredienti nella cute. Trascorsala mezz’oretta di posa, sciacquate abbondantemente con acqua tiepida e lavate normalmente con shampoo.

Consiglio: se avete usato la curcuma, non asciugatevi i capelli con il vostro asciugamano preferito, perché qualora fossero rimasti dei residui di polvere sul vostro cuoio capelluto, potreste macchiarlo.

Si consiglia di utilizzare la maschera subito dopo la sua preparazione, in modo da sfruttare al massimo tutte le proprietà dello zenzero fresco.

Lo zenzero fai da te

Capita sempre più di frequente d’imbatterci in molteplici fragranze profumate, e alle volte velatamente pungenti, quando passiamo davanti ristoranti etnici orientali: ma da dove hanno origine queste nostre percezioni olfattive? Principalmente dalle spezie ed oggi ne conosceremo meglio una molto diffusa, ovvero lo zenzero.

È una pianta erbacea conosciuta fin dai primordi dell’umanità civile, originaria dell’Oriente, che possiede molte proprietà sia salutistiche che biologiche e nutrizionali, fatto per cui ad ora la troviamo anche in cibi e bevande che quotidianamente consumiamo. Ma dello zenzero che cosa si mangia? Non i fiori gialli, e nemmeno le foglie che circondano i fusti, ma degli ingrossamenti naturali delle radici, ovvero i rizomi.

I rizomi, simili a delle piccole patate bitorzolute, possono essere utilizzati in cucina sia tagliati a fette fresche sottili sia in forma di polvere essiccata, così da esaltare il sapore e l’aroma di piatti gustosamente caratteristici e particolari.

Ad esempio in Giappone lo si trova caramellato abbinato al tipico sashimi, in Indonesia è diffusissimo nella preparazione di zuppe, minestre e salse, ed è utilizzato persino nella preparazione di dolci di origine anglosassone, come il pan di zenzero, che sotto Natale adorna le vetrine di tutta Londra.

Come curiosità pensate che da noi viene utilizzato per la produzione del ginger, gustosa e dolce bevanda analcolica dal colore rosso vivo, perfetta per un aperitivo leggero.

Perché lo zenzero fa bene? Perché ci facilita la digestione, migliora la circolazione del sangue, combatte i dolori delle artriti, abbassa il colesterolo, e soprattutto previene le nausee, prevalentemente quelle originate dalle gravidanze e dal mal di mare.

Ma lo possiamo utilizzare anche come antibiotico biologico e naturale contro i malanni autunnali: ad esempio contro il raffreddore consiglio il tè di zenzero, mentre contro la tosse qualche foglia di basilico associata ad un pezzo di rizoma ne contrasta gli effetti.

È possibile coltivare lo zenzero in Italia? Certo che sì, ed anzi ognuno di noi lo può fare dentro casa. È una pianta che ama il caldo quindi si può benissimo tenere all’interno. Partiamo da un semplice vaso di plastica, prima di mettere il terriccio è preferibile creare un fondo di argilla, e ricoprire le pareti interne del contenitore con del tessuto per trattenere l’umidità, dopo di che terriccio e un pezzo di rizoma ben interrato. In seguito, lasciate fare alla natura, ricordandovi solo di innaffiare una volta al giorno, meglio la sera; la piantina crescerà in 5-6 mesi, e vedrete che bei rizomi si formeranno sotto terra. E dopo si ricomincia, il tutto a partire da un pezzo di rizoma ripiantato.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Centrifuga di barbabietola rossa, mela, carota e zenzero

Tirate fuori la vostra centrifuga o il vostro estrattore di succo: vi insegniamo a preparare questa fantastica centrifuga di barbabietola rossa, mela, carota e zenzero!

Basta un bicchiere di questo succo fantastico per ricaricare le batterie e dare una bella dose di energia al nostro corpo: infatti la barbabietola rossa favorisce la formazione dei globuli rossi, rendendo più tonico il nostro sangue, contiene un 8% di cloro che aiuta il nostro fegato, i reni e la cistifellea a depurarsi e, se assunto con una certa regolarità, aiuta noi donne a prevenire e alleviare i disturbi mestruali e i disturbi legati alla menopausa.

Per preparare due bicchieri di questo succo fantastico e super salutare servono:

  • 1 barbabietola grossa o 2 piccole
  • 1 mela (verde, rossa o gialla, non importa, la vostra preferita andrà benissimo!)
  • 2 carote grandi
  • un pezzetto di zenzero fresco (2cm circa)
  • ½ limone (a piacere)

Se il gusto della barbabietola dovesse essere troppo presente potete diluire il succo con un po’ di acqua naturale o aggiungere mezza mela. L’abbinamento di barbabietola e carota fornisce fosforo, zolfo e potassio e altri elementi alcalini che insieme all’alto contenuto di vitamina A costituiscono un mix di sostanze naturali utilissime per costruire nuove cellule del sangue, in particolare i globuli rossi. Fate il pieno di energie e di forze con un bel bicchiere di succo fresco appena centrifugato di barbabietola rossa, mela, carota e zenzero!

 

Scopri cos'è un estrattore di succo vivo, per estrarre succhi a freddo, a bassa temperatura!

Desideri un estrattore di succo?

Se inserisci il codice sconto VEGANOGOURMAND all’acquisto di un estrattore SiQuri, avrai il 5% di sconto alla cassa!
Scopri l’estrattore che fa per te!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Tisane: quattro ricette da non perdervi!

Abbiamo pensato a delle ricette per voi per aiutarvi a preparare delle ottime tisane! Le tisane non si bevono necessariamente in inverno o quando si è ammalati, ma sono una bevanda che consumiamo durante tutto l’anno a seconda delle esigenze. Le possiamo preparare in casa usando le piante che abbiamo raccolto durante le passeggiate in campagna o che possiamo eventualmente reperire in erboristeria. Una volta diventati esperti conoscitori delle erbe e dei frutti che vengono usati per preparare le tisane, potremo inventare le nostre ricette a seconda di quel che abbiamo a disposizione nella credenza o dei gusti che preferiamo. Noi vi consigliamo quattro ricette semplici e gustosissime: le dosi sono calcolate per 3 o 4 tazze che potrete a vostro piacere zuccherare con un cucchiaio di miele o sciroppo d’agave.

Tisana digestiva: zenzero e salvia

  • 400ml d’acqua
  • zenzero fresco grattugiato (circa 2 centimetri di radice)
  • 2-3 foglie di salvia
  • succo di mezzo limone

(tempo di infusione: 10 minuti) Questa tisana è perfetta dopo un pasto abbondante!

Tisana contro il raffreddore

  • 400ml d’acqua
  • 40gr fiori di sambuco
  • 20gr tiglio
  • 20gr erisimo
  • 20gr semi di rosa canina / gemme di pino

(tempo di infusione: 8-10 minuti) Da bere 2-3 volte al giorno bella calda e con un po’ di miele, ha un sapore delizioso e vi farà dimenticare del raffreddore.

Tisana drenante all’equiseto

  • 400ml d’acqua
  • 50gr di equiseto
  • 50gr di betulla
  • 50gr di mirtilli essiccati

(tempo di infusione: 10 minuti) Per sortire l’effetto drenante e anticellulite, si consiglia di berne 3 o 4 tazze nell’arco dell’intera giornata.

Tisana della buonanotte

  • 400ml d’acqua
  • 20gr melissa
  • 40gr tiglio
  • 10gr passiflora
  • 10gr petali di rosa (facoltativi)

(tempo di infusione: 5-6 minuti) Questa tisana distende le tensioni e concilia il sonno, bevetene una tazza mezzora prima di andare a dormire e…sogni d’oro!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Antibiotici? Meglio quelli naturali

Se stai male, ti ordinano gli antibiotici, ma qual è l’alternativa alla medicina tradizionale? Sono migliori i metodi naturali o i medicinali di origine sintetica? Già in passato, l’uomo faceva uso di erbe aromatiche e alimenti per le loro proprietà curative. L’uso di antibiotici naturali, ricavati da cibi o erbe, ci procura benessere in modo non aggressivo, stimolando naturalmente l’azione del sistema immunitario.
 Alcuni esempi:

Aloe Vera

Utile sia per uso esterno sia interno per le sue numerose proprietà curative, porta benefici alla pelle, con la sua azione cicatrizzante e battericida, e previene infezioni e malanni di stagione. Consigliata anche a chi ha problemi di stomaco e intestinali e si può impiegare in caso di bronchite e problemi respiratori.

Aglio

le sostanze contenute nell’aglio lo rendono un vero antibiotico con azione su diversi batteri tra i quali anche quello del tifo. È utile per i capelli, la pelle, la pressione sanguigna, riduce il rischio di arteriosclerosi e aiuta a regolare colesterolo e trigliceridi nel sangue. Favorisce il ripristino della flora batterica ed è di sostegno al sistema immunitario.

Cipolla

Come l’aglio, è un potente antibatterico, con anche un’azione antinfiammatoria e depurativa; migliora la circolazione sanguigna e regola i valori del colesterolo; previene, inoltre, l’arteriosclerosi e gli infarti.

Echinacea

Rafforza il sistema immunitario ed è la risposta naturale alle malattie stagionali e alle infezioni delle vie urinarie.

Origano

Con le sue proprietà analgesiche, antisettiche e antispasmodiche è usato nell’aromaterapia per la sua capacità di uccidere la quasi totalità dei batteri comuni e cura problemi all’apparato respiratorio e vari malanni di stagione. Inoltre, è un ottimo rimedio contro la cellulite.

Tè verde

Utile per la perdita di peso e in caso di gonfiore, ha proprietà antiossidanti e protegge l’organismo da batteri e virus influenzali.

Zenzero

Soluzione per numerosi disturbi comuni quali influenza o raffreddore grazie ai suoi principi attivi, è anche dotato di alti livelli di attività anti-cancro.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Centrifuga energizzante

Se ci sentiamo un po’ sottotono per via del lavoro, dello stress o degli impegni, questa centrifuga energizzante ci darà un po’ di quella grinta di cui avremmo bisogno!

Centrifugate assieme:

  • 180gr di sedano
  • 150gr di arancia
  • 80gr di kiwi
  • 50gr di lime
  • 20gr di zenzero fresco

Consigliamo di usare zenzero fresco, perché rispetto a quello in polvere conserva meglio le sue proprietà e conferisce un profumo davvero speciale alla centrifuga.

Seguici su facebook, twitter, pinterest.

Recipes

Zuppa di zucca e carote tailandese

Una zuppa di zucca e carote, deliziosamente speziata, profumata di cocco, dai colori sgargianti! Un zuppa tutta arancio, colore caldo e gioioso come la confortante sensazione che si prova quanto la si assaggia per la prima volta. Una zuppa non solo gustosa ma sana e naturale, con tutte le vitamine e le proprietà della zucca e delle carote! Decisamente comoda da mangiare anche fuori casa con qualche crostino, molto molto apprezzata anche dai bambini!.