Articoli

Con la raccolta di più di un milione di firme, l’iniziativa “Stop Vivisection” s’è guadagnata il diritto di far sentire la sua voce al parlamento europeo. Le argomentazioni dell’11 Maggio contro la sperimentazione animale non sono però state convincenti e il premio Nobel Françoise Barré-Sinoussi ha avuto gioco facile, in quell’occasione, a elencare i successi che nel campo medico si sono ottenuti attraverso esperimenti condotti su animali. Il flop di Stop Vivisection sembra aver ridotto l’iniziativa animalista al silenzio, mentre nelle pagine social pro sperimentazione il giubilo impazza.

Non è però chiaro il motivo per cui il pronunciamento della comunità scientifica dovrebbe avere un qualche effetto sull’istanza animalista, che non si propone di dimostrare l’inutilità della sperimentazione animale per la ricerca, ma sostiene che nessun progresso scientifico può giustificare il sacrificio animale nei termini in cui viene perpetrato. Si tratta, prima che di una prospettiva scientifica, di una alternativa morale fondamentale.

Come sostiene Tom Regan, per l’etica animalista l’argomento dei benefici che vengono dalla sperimentazione su cavie animali “non ha assolutamente alcuna rilevanza nel dibattito sui diritti animali. Tutto quello che potrebbe dimostrare è che la vivisezione di animali non umani porta a benefici per gli esseri umani. Quello che non può dimostrare è che vivisezionare gli animali per questo scopo sia moralmente giustificato”.

I pro sperimentazione animale ritengono però che questo atteggiamento sia egoisticamente legato a un sentimentalismo eccessivo verso gli animali. Dovremmo, a parer loro, essere più razionali e non fare la figura dei sentimentaloni che vanno in brodo di giuggiole sotto lo sguardo dolce di un topolino indifeso. Per loro se sacrifico 100 per salvare 1000 ho un guadagno e dunque sono moralmente giustificato al sacrificio. Basta produrre un calcolo costi-benefici per arrivare a decidere se conviene continuare a sperimentare sugli animali o meno. Basta un po’ di matematica in poche parole… Ma è davvero tutta razionalità quella che luccica?

Cominciamo col dire che non è sufficiente il calcolo del numero delle vittime e dei beneficiari, e che è necessario aggiungere la variabile “coefficiente di valore di ciascuna vita”. Poniamo, per esempio che un esperimento sacrifichi 10 cani per salvare 9 uomini. I sacrifici canini sarebbero maggiori di quelli umani e pertanto, se contiamo solo il numero di vittime contro quello dei beneficiari, l’esperimento non vale la pena di essere condotto. Per giustificare che l’esperimento è buono bisogna dare a ogni vita un valore differente.

Così possiamo decidere, per esempio, che la vita di un uomo vale 1, mentre quella di un cane la metà, 0,5. In questo modo abbiamo 5 punti dal lato della perdita di cani e 9 punti da quello del guadagno di vite umane. Ma su che basi decidiamo coefficienti di valore per ciascuna vita? E i criteri con cui attribuiamo questi valori non rischiano di essere soggettivi? E come sarebbero fatti dei criteri oggettivi in questo caso? Se pensavamo di fuggire all’alea della soggettività con una considerazione matematica, ebbene ci troviamo invece di nuovo nell’ambito “irrazionale” dei valori.

L’utilitarista pro sperimentazione si basa anche lui, insomma, su una valutazione “non razionale”; e di fatto considera il valore di una vita animale come tendente allo zero, in modo che ogni sacrificio animale per salvare una vita umana diventi incommensurabile rispetto al valore della vita che viene salvata. Questa posizione di chi è a favore della sperimentazione animale sarebbe anche coerente se poi, quando si tratta di animali da compagnia, non si assistesse a un dietrofront quanto mai sospetto.

Forse, se non possiamo chiedere una razionalità definitiva nella scelta dei valori, possiamo almeno aspettarci una certa coerenza. Infine in questo ragionamento manca la considerazione della sofferenza fisica e psicologia a cui vengono sottoposti gli animali. La cattività in laboratorio non dev’essere un gioco da ragazzi. Venire intossicati, ustionati, sottoposti a radiazioni e così via, infligge una sofferenza che anche nel calcolo utilitaristico dovrebbe essere presa in considerazione.

Non c’è scorciatoia scientifica allo soluzione del problema dei valori. Che qualcosa sia giusto o meno lo decidiamo noi, singolarmente e liberamente. Nessuna scienza può insegnarcelo. E nessuna scienza ha il diritto di farlo. La parola della comunità scientifica è una goccia in un oceano di coscienze tutte parimenti libere e responsabili. Punto e a capo.

Curcuma, che spezia!

Di origine indiana e protagonista della cucina mediorientale e del sud-est asiatico, è anche impiegata in medicina; questa è la curcuma, spezia dal colore dorato e dalle molteplici doti. Della curcuma si usa il rizoma tuberizzato, ossia un fusto sotterraneo che contiene le sostanze di riserva per la pianta, sotto forma di polvere fine che si ottiene dopo aver lavato, sbollentato, essiccato e macinato il rizoma. Combatte gli effetti dell’invecchiamento grazie alla sua azione antiossidante, funge da antisettico e antinfiammatorio (uno dei più potenti in natura), con efficacia contro malattie quali l’artrite reumatoide, protegge il fegato e stimola la produzione di bile. Inoltre, recenti studi hanno dimostrato che la curcuma aiuta le cellule cerebrali a rigenerarsi dopo un ictus; grazie alla presenza di curcumina, uno dei suoi componenti, che stimola l’ossigenazione dei tessuti colpiti. La curcumina si è dimostrata potenzialmente utile anche nel trattamento di altre malattie come il morbo di Alzheimer, l’AIDS e diversi tipi di cancro. Niente male!

Seguici su facebook, twitter, pinterest