Articoli

L’agar agar è un gelificante che si ricava da diversi tipi di alghe rosse che si usa in cucina funge da addensante per dessert come budini e creme dense o per gelatine salate, come gli aspic. Dal momento che è un prodotto completamente vegetale, è utilizzato nella cucina vegan e vegetariana in sostituzione della colla di pesce.

Composizione

La polvere di agar-agar è composta in gran parte da mucillagini (65%), di una sostanza gelatinosa chiamata carragenina ed è ricca di minerali. Questa sostanza, viene minimamente assorbita dall’organismo, per cui non fornisce apporto calorico e ha un sapore è molto tenue, perciò non va ad alterare il gusto dei cibi. Gli alimenti gelificati con l’utilizzo dell’agar agar e una base acquosa hanno un aspetto trasparente con una certa opalescenza, ma diventano opachi se si usano tra gli ingredienti il latte vegetale o le farine. L’agar agar è stato catalogato dall’UE come additivo alimentare con il codice E406.

Utilizzo

Si utilizza l’agar-agar sia per preparazioni salate sia dolci e il suo impiego in cucina è molto semplice. Basta aggiungerlo ad acqua o al latte vegetale e portare a ebollizione per 1 o 2 minuti e poi lasciar raffreddare: già dopo un’ora il composto prenderà una consistenza gelatinosa. Le dosi consigliate per ottenere un risultato ottimale sono di 6 grammi di agar su 500ml. Se vogliamo ottenere un grado di densità inferiore, per esempio per addensare una besciamella per non aggiungere troppa farina o per gelificare le marmellate, basterà diminuire il quantitativo di agar.

Dove si compra

L’agar agar si compra in tutti i negozi di alimentazione naturale e biologica, solitamente si trova nel reparto dedicato ai prodotti dolciari perché è prevalentemente usato per dolci e dessert. Ultimamente lo si può trovare anche in alcuni grandi supermercati o è possibile acquistarlo all’etto nei negozi di prodotti sfusi.

Lo sciroppo d’acero, un super sciroppo!

Ci sono delle cose per le quali vale la pena vivere e, a mio parere, una colazione con pancakes e sciroppo d’acero è proprio una di quelle.
Ma che cos’è lo sciroppo d’acero e da dove viene?

Origine

Tutto è cominciato in Canada (stato in cui l’acero è così importante da essere protagonista della bandiera nazionale), dove la tribù degli indiani irochesi, attraverso la lavorazione della linfa d’acero, è riuscita ad ottenere dei cristalli, una specie di zucchero di canna. Lo sciroppo è arrivato un po’ più tardi, circa una ventina di anni fa, ad allietare le nostre colazioni.
I maggiori produttori del magico sciroppo sono le province orientali del Canada e alcune zone degli USA e viene classificato in base al grado di traslucenza (da noi però, di solito, si trova un’unica alternativa, quella dal colore più ambrato e dal gusto più aromatico).

Produzione e utilizzo

Lo sciroppo d’acero si ottiene bollendo la linfa dell’acero da zucchero e dell’acero nero e l’albero deve avere almeno 80 anni perché la linfa sia adatta ad essere estratta. La linfa estratta dagli alberi è per il 3-5% in forma solida ed è costituita per la maggior parte da saccarosio, ma presenta anche sostanze quali acido malico (detto anche acido di mela), potassio, calcio, ferro, magnesio, zinco, selenio e vitamine.
L’uso principale è quello di dolcificante naturale, un valido sostituto del comune zucchero, ma con il pregio di un più basso contenuto calorico, e un’alternativa naturale per chi di solito fa uso di dolcificanti artificiali. Attenzione però, poiché non va bene per chi soffre di diabete, a causa della presenza di saccarosio! Si può usare, invece, con i bambini, fin dall’inizio dello svezzamento, da aggiungere a pappe e yogurt.

Proprietà

Lo sciroppo d’acero è consigliato per gli sportivi; prima o durante lo sforzo fisico dato che, diluito in acqua, funge da integratore di zuccheri e sali minerali.
Inoltre, è utile per la depurazione e il dimagrimento, ha una funzione diuretica e snellente dovuta ai suoi componenti. È ideale per eliminare la famosa “pancetta”, poiché agisce sull’adipe e il gonfiore addominale, con effetti benefici soprattutto per chi ha problemi di ritenzione idrica e cellulite. Ha anche poteri emollienti e rinfrescanti e contiene antiossidanti, che combattono l’invecchiamento e l’insorgenza di tumori e aiutano il sistema immunitario.

Forse sto solo cercando una scusa buona per indugiare nei piaceri della cucina, tuttavia, con queste proprietà, c’è da dire che vale sicuramente la pena fare colazione con pancakes e sciroppo d’acero, un bel po’ di sciroppo d’acero!

Seguici su facebook, twitter, pinterest