Articoli

Meno pillole, più germogli!

Vogliamo mantenerci sani e in forma facendo il pieno di vitamine e nutrienti essenziali? Strano ma vero non sempre serve fare bottino di integratori, anzi, basta una manciata di germogli!

Un alimento principe che non dovrebbe mai mancare nel nostro piatto sono i miracolosi germogli, vera essenza del mondo vegetale racchiusa in un chicco, il cui valore nutrizionale ha davvero del prodigioso.
Ricchi di proprietà benefiche per il nostro organismo, e considerati già in antichità un cibo dal potere altamente terapeutico, i semi da germoglio, nel loro processo vitale, ci fanno un grande dono: da un lato possiamo osservare la magia della vita e prenderci cura con amore delle piccole e tenere plantule, dall’altro abbiamo a disposizione eccezionali proprietà nutritive.
Sì, perché assumendo quotidianamente queste piccole meraviglie vegetali assicuriamo alle nostre difese un alleato infallibile.
Dobbiamo infatti sapere che durante la fase di germogliazione vi è un aumento degli amminoacidi essenziali, degli oligoelementi e delle vitamine; quest’ultime sono soggette ad una crescita esponenziale, addirittura fino al 370% come accade per la vitamina A.

Esistono numerose varietà di semi, che vanno dai cereali, alle leguminose ed altre specie vegetali come l’erba medica, il basilico, l’aglio, i semi lino, di girasole, di quinoa e molti altri, fatta eccezione per le solanacee ( patata e pomodoro) i cui semi sono tossici.

Per coltivarli servono pochi strumenti: se non disponete di un germogliatore potete servirvi di un piatto fondo in cui mettere in ammollo i semi per una notte, coperti con un panno umido.
Il mattino seguente potrete sciacquarli e ridisporli nel piatto senza acqua, con il panno umido; ripetere l’operazione per 2 volte al giorno per 3-5 giorni. Quando il germogli avranno raggiunto la lunghezza di 4 centimetri circa esporli alla luce per favorire la produzione di clorofilla. Si conservano in frigorifero per una settimana in un barattolo di vetro.

Pronti già dopo 4-5 giorni, sono ottimi da gustare preferibilmente crudi, in insalate, aggiunti a minestre di verdure , frullati, puree, salse e condimenti per primi piatti, pizze fatte in casa e quant’altro la fantasia ci suggerisca.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Lamponi: toccasana per la fertilità

Belli e … buoni! I lamponi, frutti coloratissimi e dal caratteristico sapore dolce-acidulo si possono trovare piuttosto facilmente nelle radure tra i boschi a fine estate e inizio autunno, perciò se amate le passeggiate in montagna, munitevi di un bel cestino capiente e preparatevi a farne una scorpacciata!

Questi succosi frutti di bosco infatti, oltre ad essere molto buoni e a trovare svariati usi in cucina, a quanto pare fanno anche molto bene. Sono noti per gli effetti benefici sulla circolazione del sangue, hanno proprietà diuretiche, depurative e antinfiammatorie, inoltre hanno un basso contenuto di zuccheri tanto da poter essere consumati tranquillamente anche da chi ha problemi di diabete. E se state pensando di avere un bambino … tanto meglio!

Secondo recenti studi infatti, i lamponi oltre alle diverse proprietà già menzionate sarebbero anche un vero e proprio toccasana per la fertilità, tanto per quanto riguarda il mondo maschile che quello femminile. Contengono infatti una rilevante quantità di antiossidanti, vitamina C, magnesio e acido folico elementi fondamentali per la fertilità e contro i rischi della gravidanza.
Per quanto riguarda i futuri papà il magnesio è coinvolto nella produzione del testosterone e la vitamina C interviene a favore della salute degli spermatozoi, all’interno dell’universo femminile invece, già in passato ne veniva consigliato l’uso alle donne in attesa perché la presenza degli antiossidanti riduce il rischio di aborto proteggendo l’embrione, mentre l’acido folico è fondamentale per il corretto sviluppo e il benessere del feto.

Quindi sbizzarritevi pure con il consumo di queste ottime e versatili bacche per semplice golosità o per sfruttarne appieno gli effetti benefici: il rosso lampone potrebbe essere un ottimo tocco di colore per la stanza del vostro bambino!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Riso integrale toccasana gustoso

Il riso integrale è un’opportunità da scoprire o riscoprire per tutti coloro che vogliono nutrirsi in modo sano, fresco e sfizioso, beneficiando delle qualità terapeutiche di questa graminacea, in primis contro l’obesità, ed imparando a conoscere ed apprezzare un elemento della nostra tradizione storica e culinaria.

È un cibo leggero e nutriente, che non appesantisce lo stomaco, e fornisce al contempo energia all’organismo senza apportare fastidiosi accumuli adiposi.

La differenza rispetto al riso bianco brillato che tutti conosciamo, sta nella ridotta lavorazione dal campo alla tavola, andando incontro unicamente alla pulitura e sbramatura ovvero all’asportazione delle glumette che hanno protetto i chicchi sulla pianta, ma mantiene gli strati superficiali delle cariossidi ricchi di fibra, proteine e sali minerali.

La fibra nel riso integrale è fondamentale, in quanto agisce come rimedio naturale alla scarsa motilità intestinale, ma la componente terapeutica di questo cereale si riconosce anche nel fatto che può contrastare anche l’eccessiva motilità, bevendo l’acqua di cottura.

È originario dell’Asia sud-orientale, in particolare Cina, Vietnam e Cambogia, e la sua coltivazione risale al 4000 a.C. Da noi arriva molto più tardi, nel 320 a.C., con Alessandro Magno e le sue spedizioni di conquista in Oriente. Curiosamente le prime piantagioni italiane sono state allestite nell’Italia meridionale, mentre nell’area della pianura Padana arriva solamente sul finire del 1400.

Una sua caratteristica fondamentale è l’assenza di glutine, quindi per le persone che soffrono di celiachia è perfetto per sostituire la pasta è può essere mangiato senza problemi.

La forte presenza di vitamine del gruppo B, K ed E (come l’olio d’oliva), lo rende un prezioso alleato per la cura dei nostri apparati cardio-circolatorio e neurologico.

Perfetto per abbinamenti con verdure crude (carote, pomodori) o cotte (finocchi, piselli), apportando salubrità e sazietà al nostro corpo, oltre che un senso di benessere dal gusto fresco e delizioso di questi piatti. Buon appetito!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Amaranto: dalla natura al piatto

Per ottimizzare una dieta sana ed equilibrata ci viene in aiuto l’amaranto, antico alimento naturalmente privo di glutine e prezioso alleato per la nostra vitalità.

È ormai un dato di fatto che nella nostra società stanno crescendo sempre più patologie legate a disfunzioni digestive e intestinali, soprattutto in relazione al morbo celiaco e alla sensibilità al glutine. Come sempre la soluzione ci viene offerta dalla sapiente natura che ci offre moltissime possibilità di scelta, molto interessanti e diverse rispetto ai tradizionali cereali e derivati, ormai tristemente indigesti a gran parte della popolazione mondiale. Una di queste alternative è l’amaranto, pianta originaria del centro America dai chicchi piccoli e tondeggianti che ricordano i cereali.

Di origine molto antica, coltivato già presso le civiltà precolombiane, il genere Amaranthus vanta moltissime varietà delle quali tre considerate più produttive: il Caudatus, il Cruentus, l’Hypocondryacus.

In origine era molto apprezzato dagli Aztechi, dai Maya e dagli Incas per le sue elevate proprietà nutrizionali, energetiche e curative, tanto che veniva utilizzato anche nella celebrazione di riti religiosi e propiziatori. Questa pianta, come il grano saraceno, la quinoa e la manioca, sebbene assomigli ad un cereale, non lo è poiché non fa parte delle graminacee.

Reintrodotto in commercio sul finire del secolo scorso l’amaranto si contraddistingue per le sue ottime qualità, indispensabili per supportare una dieta priva di glutine, all’insegna della leggerezza e della salute. Ricco di proteine, di lisina e di sali minerali quali ferro, fosforo, calcio e magnesio si presta all’alimentazione di bambini e anziani, nonché nei casi di problemi intestinali e di convalescenza, poiché essendo ricco di fibre favorisce una buona digestione.

Dal sapore deciso e gradevole al palato si abbina con cereali, legumi e verdure per gustose ricette come minestre, polpette, insalate e molto altro.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Fungo shiitake

Il suo nome deriva dalla parola “shii”, che significa “quercia” e dalla parola “take” che significa “fungo”: parliamo del fungo shiitake, fungo dalle origini giapponesi che tutti i puffi e non vorrebbero.

Chi mai direbbe che questo fungo che cresce spontaneo sulle querce del Giappone, porta con se numerosi proprietà, di grande rilevanza per il benessere del corpo umano?

I suoi principi attivi , fibre e minerali, lo rendono ideale per chi conduce una dieta vegana, in quanto è ricco di vitamine delle gamma B, in particolare della B12. Gli si riconoscono proprietà capaci di contenere ed abbassare l’ipertensione arteriosa, grazia alla presenza dell’amminoacido eritadenina, che abbassa il livelli di colesterolo nel sangue. Grazie alla presenza di uno zucchero, la lentinia, il fungo shiitake è un ottimo contrasto naturale per la prevenzione dei radicali liberi, non solo complici dell’invecchiamento, ma anche di infezioni in genere.

Tra gli amminoacidi di più alta concentrazione nel fungo shiitake è la glutammina, elemento essenziale per il buon funzionamento dei muscoli e grande supporto in caso di traumi o operazioni chirurgiche.

Anche la presenza di zinco, rende il fungo shiitake un ottimo alleato per l’attività sessuale, prettamente maschile, in quante ne agevola l’erezione.
Le sue svariate proprietà, lo rendono un alimento immancabile all’interno della propria dieta, sia essa vegetariana che non.

E’ possibile trovarlo presso negozi biologici, non fresco, ma secco, pronto per essere reidratato. Il suo sapore è gradevole e lo si può utilizzare anche all’interno di zuppe, accompagnato da qualche buona alga wakame.

Il fungo shiitake guadagna di diritto un posto d’onore tra le tante scatole della nostra dispensa.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Tè Matcha, una tazza di salute

Il Tè Matcha è il tè verde tipico giapponese, utilizzato principalmente nella tradizionale cerimonia del tè. In Giappone è presente una vera e propria cultura del Matcha ed è considerato alla stregua di un vero e proprio medicinale del tutto naturale.

Le foglie, cotte al vapore, asciugate e poi tritate fino ad ottenere una polvere finissima vengono sciolte nell’acqua, in questo modo la foglia viene assunta intera e la concentrazione delle sostanze presenti nel tè è maggiore. Le proprietà antiossidanti del Matcha sono infatti superiori a quelle di qualsiasi altro tipo di tè e i loro benefici risultano a dir poco notevoli.

  • Ha proprietà depurative.
  • Migliora la digestione.
  • Favorisce la concentrazione grazie all’aumento della vitalità e dell’energia.
  • Grazie alle spiccate proprietà antiossidanti può essere un aiuto contro l’insorgenza dei tumori.
  • È un alleato nella prevenzione delle malattie cardiovascolari grazie alle proprietà che permettono l’abbassamento della pressione arteriosa e la diminuzione dei tassi di colesterolo e trigliceridi.
  • Ha proprietà dimagranti, è infatti un vero e proprio brucia grassi che porta il metabolismo di base a lavorare più in fretta.
  • Protegge dalla carie ed è ottimo per la salute delle gengive e contro l’alitosi.
  • È un ottimo rimedio per le malattie da raffreddamento.
  • È un potente antiage, sia per quanto riguarda il suo uso nella cosmesi, sia per quanto riguarda la prevenzione della senilità e dalle malattie degenerative legate all’invecchiamento.

Insomma…un vero e proprio brindisi alla salute!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Bere tanta acqua fa bene: ecco perché!

Bere tanta acqua fa bene, soprattutto in estate, quando sudiamo tanto a causa del caldo, ma non solo. Dopo l’ossigeno l’acqua è la sostanza più necessaria per la sopravvivenza e il buon funzionamento del nostro organismo, infatti è necessaria per far avvenire le reazioni chimiche nel nostro organismo. Il nostro corpo è composto di acqua al 60-70% e in media dovremmo berne dai 1,3 ai 2 litri al giorno per non disidratarci, per permettere che il nostro corpo funzioni al meglio e per mantenerci in buona salute. Molteplici sono i benefici che l’acqua procura alla la salute del corpo, come il miglioramento della digestione, la regolazione della temperatura corporea, la prevenzione di artrosi e artrite e la riduzione del mal di testa. Bere molta acqua aiuta a purificare il corpo da rifiuti e tossine, a lubrificare gli occhi, a migliorare la crescita in bambini e adolescenti, a perdere peso, a eliminare la ritenzione idrica, a combattere la costipazione, le infezioni e i sintomi dell’influenza e del raffreddore. Inoltre, migliora la performance fisica, ci fa sentire più energici e produttivi, idrata e rende bella la nostra pelle e aumenta la concentrazione! Le bibite gassate o dolcificate e gli alcolici, in un primo momento possono dissetare, ma, a causa dell’elevato numero di zuccheri che contengono, poi possono aumentare la sensazione di sete. A proposito di alcolici, quando abbiamo bevuto troppo, bere tanta acqua aiuta anche a diminuire i postumi della sbornia!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Grandi benefici, piccolo rimedio: i semi di Chia

Ci sono dei tesori nascosti e i semi di Chia sono fra questi. L’avevano scoperto già i primi abitanti del Messico quasi tre secoli prima di Cristo e lo sapevano i Maya che li consideravano indispensabili, venivano anche usati per pagare tributi agli Aztechi. Magari non li possiamo usare come moneta di scambio, ma di certo anche noi dobbiamo riconoscere le loro eccezionali proprietà nutrizionali e i loro benefici effetti sulla nostra salute.

  • Sono fonte vegetale di acidi grassi essenziali omega3, fondamentali nella nostra dieta poiché favoriscono il buon funzionamento del nostro cervello e l’assorbimento delle vitamine.
  • Racchiudono il 25% del fabbisogno quotidiano di fibre in una porzione (bastano due cucchiai da tavola nei cereali al mattino!).
  • Ti fanno sentire sazio, perché sono ricchi di fibra solubile. Rallentano il processo di trasformazione dei carboidrati in zuccheri, in questo modo il senso di sazietà dura più a lungo. (Per avere un’idea di come agiscono, provate a metterli in acqua e lasciarli riposare per 30 minuti, si formerà una specie di gel.)
  • Costituiscono una scorta di proteine, che sono, infatti, il 23% delle calorie apportate dei semi di chia.
  • Hanno una scadenza lunghissima; possono rimanere sulla nostra dispensa per anni senza perdere gusto e anche i loro valori nutrizionali rimangono invariati. Questo potere speciale è dovuto alla presenza di antiossidanti naturali. Sono quindi molto più comodi da conservare rispetto al pesce o alle alghe, altre fonti di acidi grassi omega-3.
  • Sono amici della natura perché non hanno bisogno di essere trattati con pesticidi mentre crescono, gli acidi grassi omega-3 di cui sono ricchi agiscono come potente arma antiparassiti.

Sembra dunque che in un piccolo seme siano racchiuse molteplici soluzioni ai nostri problemi. Facciamo tutti scorta di semi di chia! Non dobbiamo nemmeno preoccuparci della scadenza!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

I benefici del Rosmarino

Il Rosmarino è una pianta eccezionale, conosciutissima per il suo profumo inconfondibile e altrettanto apprezzata per i suoi benefici. Molti di noi ne avranno piantata una in giardino o in un vaso sul davanzale, perché oltre a formare un cespuglio molto bello da vedere, è una pianta che resiste bene al caldo estivo e un suo rametto è sufficiente per profumare e impreziosire un sugo o un arrosto. Assunto sotto forma di estratto, tintura o infuso può favorire la guarigione da molteplici disturbi, tanto che le sue virtù terapeutiche erano conosciute già in tempi antichi.

  • Funzione antibatterica
  • Funzione antidolorifica e antinfiammatoria
  • Tonico
  • Stimola la digestione e l’appetito
  • Proprietà antiossidanti
  • Vermifugo per l’intestino
  • Calmante per in caso di spasmi
  • Aiuta il sistema nervoso in caso di tensione nervosa, depressione o affaticamento
  • Ottimo antinfiammatorio per la cura del nervo sciatico
  • Stimola la diuresi
  • Cura i capelli grassi e aiuta a diminuire la calvizie
  • Usato per l’igiene orale, ha proprietà deodoranti

Se si vuole farne un giusto uso e beneficiare delle numerose proprietà del Rosmarino, è bene farsi consigliare presso la vostra erboristeria di fiducia sul tipo di somministrazione più adatta alle vostre esigenze!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

In bici spendi meno!

Ciao ragazzi! E’ finalmente arrivato il bel tempo e così ho deciso di usare la macchina solo per lo stretto necessario (spostamenti lunghi, spese grosse, ecc…). In compenso ho voluto rispolverare la bicicletta dal mio garage e usare quella per muovermi a fare lezione ai ragazzi a cui insegno musica, o per fare la spesa qui nel circondario (nel raggio di 15-20km al massimo per ora). Voglio riportarvi la mia esperienza in modo che ci riflettiate su, perché dopo essermi fatto due conti in tasca, ho avuto molto da pensare! Ho percorso per il momento 150km in una settimana e mezza (è incredibile quanti km facciamo in auto senza rendercene conto) e ho risparmiato già 20€ di gasolio, ho buttato giù un po’ di peso, e mi sono goduto delle ore di tranquillità che altrimenti non avrei avuto. Infatti quando vai in bici muovi un sacco di muscoli, tonifichi i glutei e gli addominali, ti guardi dei bei paesaggi in santa pace e hai molta più tranquillità nell’arrivare a destinazione (tanto più di un tot noi puoi correre…). Io ho 26 anni e ho la macchina da quando ne avevo 20; prima dei miei 20 usavo regolarmente la bicicletta per muovermi ovunque (avevo anche meno spostamenti obbligati da fare ma la usavo comunque tanto). Usare la macchina mi ha completamente fatto perdere l’allenamento e la voglia di usare la bicicletta, e mi ha fatto aumentare gradualmente il grado di stress latente. Oggi, che il prezzo della benzina si è alzato all’inverosimile, sono arrivato a dire BASTA! Non mi sembra giusto alimentare questo consumismo che ci logora e ci divora i risparmi! La sera in compenso sono più stanco, ma più sereno e più felice! Quindi se vi è possibile, non appena avete un po’ di tempo per provarci, montate in sella e poi…fatemi sapere com’è andata!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Recipes

Nessun risultato

Spiacente, nessun articolo corrisponde ai tuoi criteri