Articoli

Alga spirulina: il buffo nome dalle proprietà serie

C’è chi le alghe non le sopporta neanche in mare e c’è chi delle alghe ne scopre e ne apprezza le infinite e ricche proprietà nutritive e non: è il caso dell’alga spirulina, che nonostante il suo nome buffo, possiede indiscutibili requisiti per essere annoverata fra i più attendibili integratori alimentari.

L’alga spirulina è l’ennesimo dono che Madre Terra condivide con noi. E’ un vero piccolo grande tesoro, che in quella sua forma simpatica a spirale (da qui il nome di “spirulina”) racchiude proprietà nutrizionali, antinfiammatorie, immunostimolanti e altro ancora.

L’alga spirulina trova il suo habitat naturale in acque salmastre e fortemente alcaline. Possiamo trovarla in alcuni laghi del Messico e in alcuni laghi dell’Africa. Oggi, data l’alta diffusione, viene coltivata artificialmente anche in Cina. Il suo colore cangiante tra il verde e l’azzurro, ricorda le acque dalle quali l’alga spirulina trae le sue innumerevoli proprietà benefiche.

L’alga spirulina, è di grande supporto al nostro sistema immunitario. E’ ricca di minerali e di vitamine, che contribuiscono al benessere complessivo del nostro corpo. Fa bene alla pelle, alle ossa e al nostro sangue, che beneficia dell’alga spirulina in quanto le sue proprietà ne normalizzano la presenza del colesterolo.

L’alga spirulina è un ottimo antiossidante e contrasta bene l’insorgere di radicali liberi e il conseguente invecchiamento delle nostre cellule e dei nostri tessuti. Viene spesso utilizzata all’interno di prodotti di bellezza, come creme corpo, per le sue proprietà rassodanti e tonificanti.

La presenza in grande quantità di vitamine come A, B ed E, rende l’alga spirulina ideale per trattamenti viso cutanei, anche in presenza di manifestazioni acneiche, che ove necessario, subiscono un processo di cicatrizzazione. Grazie al suo elevato contributo vitaminico, l’alga spirulina è notevolmente apprezzata dagli sportivi, anche quelli a livello agonistico, i quali possono avvalersi di una soluzione completamente naturale, per avere una marcia in più.

Ma l’abbondanza di questa piccola alga prosegue, per buona pace del popolo vegano, che nell’alga spirulina ha una grande alleata, in quanto contiene circa il 70% di proteine per 100 gr di prodotto (nello stesso peso di carne la percentuale di proteine si abbassa al 25%).

L’alga spirulina la possiamo assumere attraverso l’alimentazione, in quanto la troviamo disidratata e in fiocchi presso i negozi biologici; oppure in compresse o in polvere, reperibile presso le erboristerie. Anche in questo caso a noi l’imbarazzo della scelta tra gli innumerevoli motivi che potrebbero condurci ad una soluzione naturale.

Cosi come il magnesio anche l’alga spirulina fa parte di quell’immenso patrimonio che la Terra ci ha messo a disposizione e che ci inviata a riscoprire ed utilizzare per uno stato di benessere duraturo.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

Le alghe in cucina

Le alghe hanno proprietà disintossicanti utili al fegato e ai reni, aiutano la digestione, grazie alla presenza di acidi grassi hanno una funzione antinfiammatoria e possono considerarsi perfino un alimento dimagrante dato che stimolano l’attività della tiroide accelerando il nostro metabolismo.

Alga Dulse:

È un alga dal color rosso/violaceo, molto ricca di ferro, potassio, magnesio, fosforo, sodio e iodio e di vitamine (C, B6, A). Contiene anche la lisina che favorisce le funzioni gastriche e digestive. Ottima contro lo stress e per il suo elevato contenuto proteico.

Alga Hijiki:

È un alga di color scuro quasi nero, ricchissima di minerali (34%) usata dalle donne in Giappone per rinforzare capelli e unghie data l’alto contenuto di calcio. Contiene anche ferro, potassio, iodio, fosforo e vitamine A, B1 e B2. Favorisce la circolazione e regola la pressione sanguigna.

Alga Kombu:

È un ottimo depurativo intestinale e un toccasana in caso di malattie degenerative, vascolari, polmonari e artriti. Regola la pressione sanguigna e l’apparato digerente. Contiene ferro, magnesio, iodio e vitamine del gruppo A, B e C. Ha, inoltre, come particolarità quella di ammorbidire la fibra degli altri alimenti come quella dei legumi.

Alga Nori:

Ha un elevato contenuto di proteine (30%), di vitamina C (una volta e mezza la quantità di vitamina C contenuta in un’arancia) e di minerali. Molto valida in diete per ipertesi, per la bassa quantità di sodio e iodio. Dal sapore delicato e leggermente tostato è prevalentemente usata nel sushi, ma è anche un ottimo condimento per insalate e verdure.

Alga Wakame:

È ricca di magnesio e ferro, in più, contiene vitamine del gruppo C e B. Ha un effetto disintossicante sull’organisimo e, come l’alga Kombu, rende più teneri i legumi in cottura, rendendoli così anche più digeribili.

Provate a aggiungere qualche alga nei vostri piatti (nelle insalate, nel brodo di verdure, nelle zuppe, nei cereali, ecc) e godete dei benefici che queste insalate di mare portano al nostro organismo, badando bene a non esagerare…diciamo che vanno consumate in quantità moderate al massimo due o tre volte a settimana. Particolare attenzione va portata, a seconda delle proprietà specifiche di ogni alga, se si soffre di ipertiroidismo.

Seguici su facebook, twitter, pinterest