PASTA FROLLA VEGAN: LA RICETTA

pasta frolla vegan

Per preparare una buona pasta frolla per biscotti e crostate fragranti e friabili, senza utilizzare derivati animali, vi raccontiamo la nostra ricetta della pasta frolla vegan.
Questa pasta frolla senza burro e senza uova, è altrettanto morbida e gustosa, ed è perfetta per chi è intollerante al lattosio o chi segue una dieta vegana.
Sostituire il burro e le uova è molto semplice: si utilizzano solo ingredienti genuini e facili da reperire, e si ottiene un’ottima pasta frolla vegana!

Pasta frolla vegan: la pasta frolla senza burro e senza uova

Gli amanti dei frollini, pasticcini, crostate e biscotti che desiderano utilizzare ingredienti naturali ed esclusivamente vegetali, troveranno questa ricetta non solo deliziosa ma anche di facile realizzazione.
Infatti, come forse molti già sapranno e avranno sperimentato, è possibile preparare una pasta frolla senza burro, utilizzando l’olio di semi spremuti a freddo come alternativa, ma l’uovo? E’ possibile una pasta frolla senza uova? Certo che sì! In più, la nostra ricetta della pasta frolla vegan non contiene margarina prodotta industrialmente che spesso contiene olio di palma e altri oli vegetali non idrogenati.

La pasta frolla, una delle ricette di base della pasticceria vegan

La rete ci offre tantissime soluzioni per sostituire la pasta frolla tradizionale con una pasta frolla morbida e leggera, senza burro, senza uova e nessun derivato animale.
Quella che trovate qui sotto è la nostra miglior ricetta per la pasta frolla vegan, quella che richiede meno passaggi, la più malleabile e che dà ottimi risultati!
Con questa ricetta potrete diminuire (o cessare!) l’assunzione di derivati animali e farina raffinata ottenendo una frolla davvero spettacolare!

Consigli

La pasta frolla vegan, non contenendo burro ma olio, risulterà più morbida nel momento della stesura, per esempio, di una base per crostata. Consigliamo quindi di lasciarla appallottolata nel frigo almeno un’ora prima di stenderla, di tamponare l’olio in superficie con della carta assorbente e di aiutarsi con due fogli di carta da forno per stenderla.

Ingredienti

  • 100g farina 2
  • 150g farina di farro
  • 80g zucchero di canna grezzo
  • 75ml olio di semi di girasole
  • 50ml acqua fredda
  • 1 punta di cucchiaino cremor tartaro
  • a piacere vaniglia bourbon e/o scorza di limone

4 Passaggi

Ingredienti secchi

Mescolate le farine con lo zucchero, il cremor tartaro e se volete dare un tocco particolare all’impasto potete aggiungere la scorza di mezzo limone o un po’ di vaniglia.

Aggiungere acqua e olio

Emulsionate acqua e olio in una tazza dosatrice e versatela nell’impasto, mescolando, fino ad ottenere una palla.

Riposo

Fate riposare la pasta frolla appallottolata e avvolta in un foglio di pellicola per almeno un’ora.

Cottura

La pasta frolla varia il suo tempo di cottura a seconda delle diverse preparazioni.
Per esempio, per una crostata di marmellata con una frolla spessa mezzo centimetro saranno necessari dai 30 ai 45 minuti.
Per dei biscotti spessi un centimetro basteranno 20 minuti, 10 per ogni lato.
Consigliamo, però, di testare la resa del proprio forno la prima volta che si cuoce la pasta frolla.

13 commenti
    • Antonia Mattiello
      Antonia Mattiello dice:

      Sì puoi fare questa sostituzione, ricorda però che la farina integrale oltre ad avere un sapore più marcato e una grana più spessa, assorbe più umidità, quindi probabilmente sarà necessario aggiungere un po’ d’acqua e di olio.

      Rispondi
  1. Arianna
    Arianna dice:

    Ciao ho provato a fare l’impasto, ma si sbriciola e non riesco a tirarlo. Ho seguito la ricetta alla lettera, dove ho sbagliato?
    Grazie.

    Rispondi
    • Antonia Mattiello
      Antonia Mattiello dice:

      Rispetto alla pasta frolla originale, questa è di per sé più delicata e friabile (per questo anche più leggera). Ma se si presenta questo problema spesso è a causa del tipo di farina. Non tutte le farine reagiscono allo stesso modo, forse ne hai usata una che assorbe molta umidità: ti consiglio di riprovare e aggiungere un po’ d’acqua in più.
      Un’altra accortezza potrebbe essere quella di stendere la pasta frolla con il matterello tra due fogli di carta forno.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *