PANFRUTTO

Panfrutto

Panfrutto

Il panfrutto è un tipo di pane tipico degli alpeggi a base di frutta secca e farina di farro e kamut. Il panfrutto è molto versatile e va d’accordo sia con il dolce sia con il salato, lo si può degustare con dei formaggi, con delle marmellate o con l’aperitivo! Anche i bambini lo apprezzano molto al posto delle merendine confezionate, una fetta di panfrutto è un goloso spuntino che ricarica le energie!

Ingredienti

  • 150 gr Farina di farro integrale
  • 200 gr Farina di Kamut
  • 100 gr Farina 00
  • 50 gr Farina Manitoba
  • 150 gr Uvetta
  • 100 gr Mandorle
  • 100 gr Pistacchio
  • 100 gr Datteri
  • 100 gr Fichi Secchi
  • 20 gr Lievito di Birra
  • 250 gr Preimpasto Poolish
  • 150 ml Acqua
  • 10 gr Sale
  • 40 gr Zucchero di canna

9 passaggi - cliccali per leggere!

Tagliare la frutta secca

Denocciolate i datteri e tagliateli a pezzi insieme al resto della frutta secca.



Mettere a bagno i fichi

Mettete a bagno per qualche minuto i fichi secchi se sono troppo secchi.



Mescolare farine e frutta

Mescolate le varie farine e uniteci la frutta fatta a pezzi.



Aggiungere il poolish

Aggiungete il poolish all’impasto e mescolate per bene.



Aggiungere acqua e lievito

Fate sciogliere il lievito nell’acqua e aggiungetela all’impasto, quindi impastate per bene.



Aggiungere lo zucchero

Aggiungete lo zucchero di canna e il sale all’impasto e impastate a lungo in modo che l’impasto si incordi per bene.



Preparare una teglia

Oliate una teglia da plum cake e spolveratela con della farina: fate questo per evitare che il pane si incolli nello stampo.



Lievitazione

Inserite l’impasto nello stampo, copritelo con uno straccio pulito e lasciatelo lievitare per 2h.



Infornare

Una volta lievitato per bene, infornate a 200°C per 40 minuti. Quando sarà cotto, estraetelo subito dallo stampo e appoggiatelo su una grata in modo che sia ben arieggiato e non si inumidisca con il vapore che ancora contiene.



0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *