GAZPACHO: LA RICETTA NON-ORIGINALE

Gazpacho ricetta originale

Gazpacho: la nostra ricetta non-originale

Il gazpacho è una ricetta tipica della tradizione culinaria spagnola. Questa zuppa fredda a base di pomodoro, aglio, cipolla, cetrioli e pan grattato è un piatto che i contadini preparavano per saziarsi durante le torride estati sotto il sole. La ricetta del gazpacho è davvero facile da preparare e si rivela molto pratica quando fa caldo e non si ha nessuna voglia di accendere i fornelli! E’ perfetta anche per chi si vuol tener leggero o è a dieta perché sazia senza appesantire!
Noi vi proponiamo la nostra versione, il gazpacho non-originale, ovvero non ci teniamo a dettare legge, in quanto è bello poter modificarla come più ci piace!

Come fare il gazpacho

Per un ottimo gazpacho ci vogliono verdure fresche e saporite, olio d’oliva estremamente buono, un po’ di pangrattato e il frullatore. Inserite il tutto nel frullatore, accendete e il vostro gazpacho è pronto!

La storia del gazpacho

La zuppa fredda andalusa più famosa al mondo affonda le sue radici nell’epoca medievale in cui con pochi ingredienti i contadini dovevano riuscire a mangiare a pranzo sotto il solo cocente dell’Andalusia! Ogni contadino inventava la sua ricetta ma era diffusa l’usanza di usare sempre la triade pomodoro-cipolla-cetriolo per un gazpacho autentico.

PROVA ANCHE: Dado secco vegetaleZuppa di zucca thailandese – Zuppa di miso
.

Ingredienti

  • 300 gr Pomodoro ramato
  • 50 gr Sedano
  • 70 gr Peperoni
  • 100 gr Cetrioli
  • 1 spicchio Aglio
  • 20 gr Cipolla
  • 35 gr Olio Evo
  • 8 gr Pangrattato
  • 4 gr Sale
  • Q.b. Tabasco

4 passaggi - cliccali per leggere!

Frullare le verdure

Frullate con un frullatore ad immersione tutte le verdure in un contenitore stretto e alto.



Condire

Aggiungete il sale e l’olio



Aggiungere il pangrattato

Aggiungete il pangrattato.



Spruzzare con il tabasco

Condite con un po’ di tabasco.



0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *