Estrattore: ricette per tutti i gusti!

Raccogliamo in questa sezione le migliori ricette con l’estrattore di succo a freddo, dai succhi vivi, ai dolci freddi, dai latti vegetali, alle ricette con gli scarti dell’estrattore. Troverete qui tante idee per utilizzare al meglio il vostro estrattore di frutta e verdura!

Come utilizzare l’estrattore di succo al meglio

Forse non tutti sanno che un’estrattore non serve soltanto a preparare succhi di frutta e verdura sani e gustosi, ma che è utilissimo per creare salse, gelati, sorbetti, latti vegetali e, addirittura, dolci e ricette salate grazie al riutilizzo degli scarti.

Estrattore o centrifuga?

Se ancora siete indecisi su che strumento utilizzare per i vostri succhi, se è meglio l’estrattore o la centrifuga, abbiamo realizzato un video che ne analizza le differenze estrattore e centrifuga!

Sorbetto con estrattore: di una facilità incredibile!

Quanto adoro l’estrattore e quanto adoro l’estate!!! In questa ricetta vi racconto come fare un favoloso sorbetto con estrattore di succo che io abbino ad un gelo di limone, per un dessert vegan rinfrescante e accattivante da proporre a fine cena.

Come fare i sorbetti con l’estrattore

La tecnica per fare i sorbetti con l’estrattore è semplicissima! Vi basterà congelare il succo estratto, oppure pezzi di frutta intera e ripassarli nell’estrattore una volta congelati, utilizzando l’apposito filtro cieco, con il quale si possono ottenere facilmente sorbetti o gelati.
Accertativi di usare un estrattore potente e di ottima fattura.

Sorbetto con l’estrattore Panasonic MJ-600

L’estrattore Panasonic MJ-600 è incredibilmente versatile e super resistente per la rottura di frutta ghiacciata, succo ghiacciato o ghiaccio puro, grazie anche sua coclea in acciaio che fa la differenza. Quindi andate sicuri e fatevi un bel sorbetto con il vostro estrattore!

Guardate il video tutorial che ho realizzato per voi!

La strumentazione utilizzata

Per il sorbetto ho usato l’estrattore Panasonic MJ-L600 con filtro cieco, apposito per sorbetti e gelati.

Per frullare il gelo di limone ho usato il frullatore ad immersione Panasonic MX-S401: con gli accessori in dotazione posso frullare ma anche mescolare all’occorrenza con grande facilità grazie alle apposite fruste.

Ricetta delle granola bars con gli scarti dell’estrattore

Spesso ci chiedono cosa ne facciamo degli scarti che rimangono dopo aver fatto un latte vegetale con lo slow juicer. Questa ricetta delle granola bars realizzate con gli scarti dell’estrattore ne è un’esempio.
Abbiamo utilizzato lo scarto del latte di mandorla autoprodotto con lo slow juicer Panasonic MJ-L600 e lo abbiamo unito ad altri ingredienti per formare un impasto da porzione e cuocere nel forno combinato Panasonic NN-CS894 per creare delle barrette snack sane e golose allo stesso tempo, da portarci via e sgranocchiare fuori casa.

Nel video qui sotto potete seguire la ricetta passo passo

Granola bars o barrette con scarti dell’estrattore

Le granola bars sono delle barrette a base di frutta secca, cereali e semi che possono essere arricchite da cioccolato, oli essenziali o superfood come l’alga spirulina. In commercio se ne trovano di tantissimi tipi (barrette crudiste, gluten-free, senza lattosio etc.) e solitamente si acquistano in formato monodose, proprio perché si consumano come snack.
Prepararle in casa, per noi, non è solo divertente ed economico, ma ci consente di sfruttare al meglio gli scarti dell’estrattore che otteniamo ogni volta che prepariamo un succo o un latte vegetale. Sono anche un ottimo metodo svuotadispensa: infatti, spesso ne approfittiamo per svuotare i contenitori quasi vuoti di cereali soffiati, come avena, riso o quinoa.

Ci sono scarti e scarti: quali utilizzare

Ma attenzione, non tutti gli scarti dell’estrattore si possono riutilizzare! Infatti, se non badiamo ad eliminare le parti non edibili della frutta o della verdura prima dell’estrazione del succo, finiranno tra gli scarti e saranno difficili da eliminare in seguito.
Quindi, togliete semi, piccioli, bucce o torsoli se volete riutilizzare gli scarti!

In che modo si utilizzano gli scarti dell’estrattore?

Preparare delle barrette come queste non è l’unico modo di riciclare gli scarti dell’estrattore. Ci sono tantissime ricette, sia dolci, sia salate, che vale la pena di provare. Se l’idea vi stuzzica leggete anche il nostro articolo dedicato al riutilizzo degli scarti o il libro di Martino “Il manuale dell’estrattore” in cui trovate tante ricette di succhi, latti vegetali e una sezione intera dedicata al riutilizzo degli scarti.

Dosi per 14-16 barrette

Latte di mandorla fatto in casa con l’estrattore

Da quando è arrivato l’estrattore nella nostra cucina, abbiamo potuto sperimentare moltissime ricette con questo elettrodomestico, che ci è utilissimo non solo per preparare succhi ma anche per realizzare gelati o latti vegetali come il latte di mandorla.
Preparare il latte di mandorla con l’estrattore è davvero molto semplice, così semplice che ti fa passare la voglia e la tentazione di acquistarlo confezionato. Rispetto ai latti di mandorla in commercio poi, l’estratto di mandorla che otteniamo è di gran lunga più buono e sano. Non ci sono aggiunte di aromi, sale o zucchero, solo acqua e mandorle.

Ricetta del latte di mandorla fatto in casa

La ricetta del latte di mandorla al naturale richiede solo due ingredienti, l’acqua e le mandorle. Niente di più. Abbiamo ammollato le mandorle per una notte e le abbiamo estratte assieme a dell’acqua fredda utilizzando lo slow juicer Panasonic MJ-L600.
Il latte ottenuto può essere consumato nel giro di 24 ore o si può pastorizzare per poterlo conservare più a lungo.

Latte di mandorla come usarlo

Oltre ad essere una bevanda vegetale molto gustosa e dissetante così com’è, può essere anche utilizzato come base per una cioccolata calda, un golden milk o uno smoothie estivo.
Ma oltre ad essere una bevanda perfetta per la colazione, possiamo utilizzare il latte di mandorla come base per un budino tradizionale o un budino di chia, o, ancora, nella preparazione di pancakes vegani e torte.

Come usare gli scarti dell’estrattore?

Una volta preparato il latte di mandorla con l’estrattore, nel contenitore per le fibre, troverete degli scarti. Non tutti gli scarti degli estratti che prepariamo si possono utilizzare (quelli contenenti bucce non edibili o semi, per esempio), ma gli scarti del latte di mandorla sono davvero preziosi ed è un peccato buttarli!
Potete mescolarli allo yogurt con della frutta per colazione o merenda, oppure potete sperimentare un riutilizzo degli scarti ancora più goloso come la ricette delle barrette di granola, che abbiamo preparato con il forno combinato Panasonic NN-CS894S a bassa temperatura.

Pudding con semi di chia: ricetta crudista

Il pudding con semi di chia, o il budino di chia, è il nostro dessert o la colazione dell’ultimo minuto preferito in assoluto.
Si prepara senza cottura, non servono molti ingredienti, né tecniche o attrezzature particolari. Una ciotola e un cucchiaio sono presenti in tutte le cucine. Poi basta un liquido, come un latte vegetale, in cui immergere i semi di chia e lasciarli in ammollo per un paio d’ore. Ecco fatto, la base del pudding è pronta. Il resto è tutta fantasia e creatività che dovrete sprigionare per rendere il vostro chia pudding speciale.

Una ricetta veloce con i semi di chia

Questa ricetta è facile e veloce perché possiamo dire che si prepara quasi da sola! Basterà solo un po’ di pianificazione… Proprio così: dopo aver abbinato il latte vegetale e i semi di chia e averli mescolati, basterà solo aspettare almeno un paio d’ore.
In quel periodo di tempo potete farvi una doccia, uscire a fare una passeggiata, mettervi al pari con l’ultima puntata della vostra serie tv preferita, o schiacciare un sonnellino.
Il massimo per noi è mettere in frigo i nostri budini già porzionati e trovarli pronti la mattina dopo per la colazione!

Idee e ricette con i semi di chia

Quali abbinate preferiamo con i semi di chia? La più semplice in assoluto è quella di mescolarli in un latte vegetale, come nella ricetta qui sotto. In questo caso, abbiamo autoprodotto il latte di mandorla con l’estrattore o slow juicer Panasonic MJ-L600 (leggi la ricetta qui), ma si può fare anche con un latte vegetale confezionato.
Non è obbligatorio dolcificare, tutto dipende dai vostri gusti, noi quando lo desideriamo più dolce aggiungiamo un cucchiaino di sciroppo di riso o di acero. Poi spaziamo con i diversi abbinamenti, aggiungendo frutta, frutta secca, un pizzico di cannella o una spolverata di cacao amaro in polvere.
Inoltre, con i semi di chia prepariamo anche delle marmellate crudiste, arricchiamo biscotti e pani, o realizziamo barrette energetiche e frullati freschi.

Proprietà dei semi di chia e benefici

La chia, detta anche Salvia Hispanica, possiede numerose proprietà utilissime al buon funzionamento del nostro organismo. La chia rientra nel gruppo dei cibi funzionali o super food, poiché è un cibo ricco di calcio, vitamina C e omega 3. Tra i benefici apportati dal consumo di questi piccoli semi ricordiamo che aiutano a regolare l’assunzione di zuccheri e la perdita di peso. In più, oltre che essere un integratore naturale di nutrienti importanti, soprattutto in una dieta vegana, regolarizzano le funzioni dell’intestino e del sistema nervoso.

Dosi per 2 persone

Il latte di soia fatto in casa con l’estrattore di succo

Quando ho provato per la prima volta l’estrattore di succo non credevo che avrei mai potuto preparare anche il latte di soia fatto in casa!
Fino a prima mi munivo di frullatore ad immersione e garze filtranti, ora invece è tutto più semplice…
Vi spiego qui di seguito come fare!

Come preparare il latte di soia con l’estrattore

La tecnica è semplice e molto similare a quella tradizionale.
Dopo aver messo a mollo i semi di soia gialla per 24 ore, li cuocete in acqua bollente e poi assieme all’acqua di cottura, li estraete nell’estrattore ottenendo così dell’ottimo latte di soia fatto in casa.

Il latte vegetale, un ottimo sostituto!

Il latte vegetale, specialmente il latte di soia, è un ingrediente che va a sostituire sempre più il latte vaccino, o in genere il latte di origine animale.
Proprio per la enorme digeribilità e leggerezza, il latte vegetale è ormai nelle case di tutti, anche prodotto dalle grandi multinazionali: la stessa Granarolo, che produce latte vaccino come core business, si è dedicata ad una linea di prodotti vegetali, per cavalcare l’onda!
Per scoprire maggiori possibilità del latte vegetale autoprodotto, vi consiglio questo mio articolo, mentre per comprendere un po’ di proprietà dei latti vegetali in genere vi consiglio quest’altro articolo!

Vuoi un estrattore di succo? Ecco un codice sconto per te!

Se ti interessa l’ultimissimo Essenzia Pro Green by SiQuri noi abbiamo una buona notizia: inserisci al momento dell’acquisto il codice VEGANOGOURMAND e otterrai il 5% di sconto sul prezzo finale!

Come fare il gelato VEG alle ciliegie con l’estrattore di succo

A maggio gli alberi si riempiono di piccolissimi fruttini dolci e colorati, e a tutti viene una voglia incredibile di quel sapore perfetto che non ci lascia scampo: sto parlando delle ciliegie!
Oggi ho voluto utilizzarle per farvi vedere come ottenere un gelato veg con l’estrattore, in pochissime mosse!

Gelato vegan con l’estrattore: facilissimo, ma anche i sorbetti sono ottimi!

Usando l’estrattore di succo dalla primavera all’autunno preparo degli ottimi gelati, granite e sorbetti vegani. La tecnica è davvero semplicissima: possiamo ghiacciare la frutta, ghiacciare il latte vegetale e poi passare tutto nella bocchetta dell’estrattore. Questa macchina infatti lavora a bassi giri, estraendo a freddo. L’estrattore che uso io va a 32 giri al minuto!
Ma potete anche riciclare gli scarti dell’estrattore ghiacciandoli ed estraendoli in un secondo momento: otterrete un sorbetto favoloso a base di scarti dell’estrattore!

Leggi come riciclare gli scarti dell’estrattore…

Gelato veg con l’estrattore: senza lattosio e senza zuccheri raffinati

Una volta estratta la frutta o il latte vegetale ghiacciati, basterà mantecare il gelato con una spatola e servirlo: otterrete così un gelato senza lattosio!
Se vi piace al naturale, dolce del fruttosio naturale che sta dentro alla frutta, potrete gustarlo così come esce.
Altrimenti potrete dolcificarlo con un po’ di sciroppo d’acero o con un cucchiaino di stevia. Un favoloso gelato veg senza lattosio e senza zucchero raffinato!

Usiamo il filtro cieco per estrattore

Ancora più facile ottenere il gelato con l’estrattore da quando esiste il “filtro cieco” o filtro senza fori di plastica tritan che una volta montato rompe anche il ghiaccio! Quando lo si monta, tutto ciò che si va ad estrarre uscirà solo dalla bocchetta degli “scarti”.

E se non sai come scegliere l’estrattore giusto per te? Leggi l’articolo: guida alla scelta dell’estrattore…

Vuoi un estrattore di succo? Ecco un codice sconto per te!

Se ti interessa l’ultimissimo Essenzia Pro Green by SiQuri noi abbiamo una buona notizia: inserisci al momento dell’acquisto il codice VEGANOGOURMAND e otterrai il 5% di sconto sul prezzo finale!

Passata di pomodoro con l’estrattore di succo

Oggi, con l’arrivo della bella stagione mi trovo ad usare l’estrattore di succo tutti i giorni, più volte, per moltissime applicazioni.
E dopo aver scritto e star presentando in giro per l’Italia il nuovissimo libro, “il manuale dell’estrattore“, la ricerca ancora non è finita!
Infatti ancora molte cose devo sperimentare e capire: altre ricette come ad esempio la passata di pomodoro con l’estrattore, non pensavo fosse così facile e buona!
Ne vedremo quindi una versione a crudo e una classica.
Il manuale dell'estrattore: molto più di un semplice manuale

Come fare una salsa di pomodoro con l’estrattore?

Fare una buona salsa al pomodoro con l’estrattore di succo è semplicissimo, basterà avere buoni pomodori, possibilmente San Marzano, oppure Cirio, un estrattore di succo e qualche vasetto.
Potrete poi decidere se usare sale e basilico, oppure lasciare la vostra passata al naturale, se pastorizzarla oppure se prepararla in versione crudista.
Vediamo come farla.

Passata di pomodoro a crudo con l’estrattore

“Ah il profumo del pomodoro fresco, molto meglio della passata comprata”. Queste sono le parole di chi prova a prepararsela in casa, proprio a dimostrare che il home made è la migliore delle vie possibili! Autoprodurre è ecologico, economico e salutare, oltre ad essere rilassante e a darvi dei risultati molto più naturali e buoni rispetto ai prodotti industrializzati.
La passata di pomodoro con l’estrattore in versione cruda è davvero molto facile e vi potrà venire buona come base per qualche intingolo o per una salsa per condire delle tagliatelle crudiste di zucchine.
Basterà passare i pomodori per 3 volte nell’estrattore fino ad ottenere una salsa bella densa, mentre se si vuole una passata più “rustica” potrete aggiungere gli scarti dell’estrattore alla passata filtrata.

Scopri come riciclare gli scarti dell’estrattore!

La versione classica della salsa di pomodoro

Se volete una passata di pomodoro classica ecco la versione con l’estrattore!
Sbollentate i pomodori per 30 secondi in acqua bollente e subito dopo metteteli in acqua fredda per spellare bene la buccia.
Passate così i pomodori nell’estrattore per tre volte finché non otterrete una passata densa e consistente.
Potete così decidere di aromatizzare la passata con un po’ di basilico fresco e sale oppure tenerla al naturale.
Se volete potete metterla per qualche minuto a sobbollire sul fuoco per concentrarla maggiormente.

Alla fine sterilizzate dei vasetti di vetro e il loro tappo, inserite la passata di pomodoro che avete estratto con l’estrattore e mettete i vasetti a bollire in una pentola d’acqua per pastorizzarli e ottenere il sottovuoto.

Se ti può interessare, leggi: Pomodori pelati, la ricetta!

Vuoi un estrattore di succo? Ecco un codice sconto per te!

Se ti interessa l’ultimissimo Essenzia Pro Green by SiQuri noi abbiamo una buona notizia: inserisci al momento dell’acquisto il codice VEGANOGOURMAND e otterrai il 5% di sconto sul prezzo finale!

Frutta viola e blu, tutte le proprietà

Abbiamo selezionato tre frutti dal colore viola scuro per ottere un estratto viola ricco di tutte le proprietà che appartengono alla frutta e alla verdura di questo colore.
Frutta e verdura di colore viola o blu contengono dei pigmenti naturali denominati antociani, grazie ai quali gli alimenti hanno questa tonalità. Gli antociani sono degli antiossidanti, cioè prevengono l’invecchiamento delle cellule del nostro organismo e ci proteggono dal rischio di cancro, ictus e patologie cardiache. Contribuiscono al miglioramento della memoria e al mantenimento di un buon grado di salute.
Se vi piace non solo l’aspetto nutrizionale, ma anche lo stupendo colore di questi succhi, potete provare a realizzarne utilizzando anche altra frutta e verdura viola-blu, come ad esempio:

  • mirtilli
  • ribes neri
  • fichi viola
  • susine
  • carote viola
  • cavolo cappuccio viola
  • barbabietole rosso-viola
  • cavolfiore viola
  • asparagi viola

Siamo certi che nostro succo di more prugne e uva nera vi piacerà al primo sorso!

Brindare alla salute tutti i giorni

Come dicevamo prima, è buona norma abbinare la frutta e la verdura dello stesso colore e alternare i diversi colori nell’arco della settimana per poter assumere a pieno i nutrienti di cui questi sono ricchi.
Grazie al vostro estrattore di succo a freddo, non dovrete mai rinunciare a un buon bicchiere del vostro estratto preferito. Noi ne beviamo almeno uno al giorno!
Un succo come questo con more, prugne e uva nera, può essere anche un’idea sana e allo stesso tempo deliziosa, per accogliere i vostri amici durante un aperitivo in giardino o prima di cena. Servitelo in un bel bicchiere con del ghiaccio e una scorzetta di limone per dar profumo!

Cos’è un estrattore di succo vivo?

Seguite il link per scoprire tutte le caratteristiche di questa tecnologia del benessere!

Un estratto rosso rosso che sa di primavera

Un succo vivo di fragole e ciliegie è l’estratto perfetto per brindare alla primavera. Di tanti estratti di frutta che potete realizzare con il vostro estrattore questo è indubbiamente uno dei più semplici e allo stesso tempo gustosi e amabili!
La buona abitudine di bere almeno un estratto al giorno, è un modo per mantenersi in salute e alimentarsi al meglio. Le ricette con l’estrattore che preparerete o inventerete da voi, saranno ancora più deliziose se per realizzarle sceglierete frutta e verdura di stagione!

Un dolcissimo succo per bambini e genitori

Fare colazione e merenda tutti assieme con un succo fresco e dolce, dal colore vivace e allegro, non può che rallegrare la giornata di grandi e piccini.
Ai bambini, ai quali a volte non è facile far fare una merenda sana e nutriente, piacerà un sacco bere questo estratto di fragole e ciliegie, che avrete preparato per loro.
Con un solo bicchiere di questo succo, farete il pieno di vitamine e antiossidanti, di cui questi frutti sono ricchi.
Se siete mamme e papà alla ricerca di ricette sane per bambini, senza zuccheri aggiunti o conservanti, un buon bicchiere di estratto appena preparato è ciò che di più semplice e naturale potete proporre ai vostri figli!
Le fragole e le ciliegie sono l’abbinamento perfetto per conquistarli!

Cos’è un estrattore di succo vivo?

Seguite il link per scoprire tutte le caratteristiche di questa tecnologia del benessere!

Dall’India arriva questa bevanda meravigliosa, a base di curcuma, latte e spezie. Il golden milk, o latte d’oro, non si chiama così solo per il suo colore giallo acceso, ma anche perché questa bevanda è sinonimo di ricchezza poiché contiene moltissimi antiossidanti naturali.
Per esempio, è abitudine di chi pratica yoga bere una buona tazza di golden milk ogni giorno, dato che migliora l’elasticità delle articolazioni e permette ai praticanti di mantenere le posizioni più a lungo.

Tutte le proprietà del golden milk, l’oro in una tazza

Tra i benefici attribuiti al latte d’oro enumeriamo le proprietà curative per i dolori muscolari e articolari. Tutte queste proprietà derivano dalla combinazione degli ingredienti del latte d’oro (il latte, la curcuma e le spezie) che messi assieme hanno effetti più che prodigiosi.
E’ molto indicato come rimedio antinfiammatorio, ottimo digestivo e alimento detox.
Disinfiamma le vie respiratorie come la sinusite e combatte le forme virali, l’influenza e la tosse, per questo si consiglia di sorseggiarlo soprattutto durante i cambi di stagione.
Aumenta dunque le difese immunitarie e ha proprietà antifungine, inoltre previene problemi cardiovascolari e riduce i livelli di colesterolo.
E’ particolarmente utile per mantenere il peso corporeo perché mantiene attivo il metabolismo.
Per le donne che soffrono di dolori mestruali o per chi soffre di colite, il golden milk può essere assunto per combattere gli spasmi.

Come si prepara golden milk

La ricetta del golden milk originale utilizza il latte vaccino e il miele, questa ricetta invece è vegana. In sostituzione agli ingredienti di origine animale abbiamo optato per l’utilizzo di alimenti a base vegetale come il latte vegetale e i dolcificanti naturali.
La ricetta si suddivide in due fasi:
– LA PASTA DI CURCUMA: la pasta di curcuma si prepara emulsionando pepe nero e polvere di curcuma con acqua e portando il tutto a bollore in un pentolino fino a ottenere una pasta densa che una volta raffreddata si conserva in frigo in un barattolo di vetro fino a 40 giorni.

Non dimenticate mai di aggiungere sempre una spolverata leggera di pepe nero poiché solo così si attivano tutte le proprietà della curcumina!

– LA BEVANDA: quando si desidera preparare il latte dorato basterà sciogliere uno o due cucchiaini di pasta di curcuma in una tazza di latte vegetale bollente, aggiungere dello sciroppo di riso o un qualsiasi altro dolcificante naturale, qualche goccia di olio di mandorle e le spezie che più ci piacciono nella dose a noi gradita come cannella, zenzero o vaniglia.

Il latte d’oro alla curcuma: la ricetta crudista

In questo video potete vedere come si prepara il golden milk in versione raw, ovvero senza cottura, utilizzando solo alimenti freschi come il latte di mandorle spremuto a freddo e la radice di curcuma. Per fare ciò abbiamo utilizzato uno strumento indispensabile per la sana alimentazione, ovvero l’estrattore di succo!
A chi segue una dieta crudista, a chi sta affrontando un periodo detox o a chi vorrebbe un dissetante golden milk estivo, vi consigliamo di seguire questo video tutorial: