Dolci vegani: le nostre migliori ricette!

Negli anni ci siamo cimentati moltissimo nella preparazione dei dolci vegani. Abbiamo provato tantissime variabili fino ad arrivare alle nostre formulazioni migliori!

Come farli vegani?

Vi chiederete: ma come devo fare i dolci vegan? Quali sono i trucchi? Come sostituire le uova? E il latte? Ecco, anche noi ci siamo posti le stesse domande e negli anni abbiamo provato e studiato per arrivare a degli ottimi risultati, che potrete realizzare direttamente da voi!

Dolci per tutti i gusti

In questa sezione troverete quindi dolci al cucchiaio, dolci freddi, senza glutine e senza zucchero, proprio per tutti i gusti!
Provateli e fateli assaggiare ai vostri amici, parenti: un piccolo dessert può essere un grande dono d’affetto ;-)

Di tutte le abbinate più golose con il cioccolato (e ce ne sono tante!) sicuramente una delle più seducenti è quella del cioccolato con le arance! Il profumo avvolgente, invernale e armonioso dell’arancia, con il suo sapore fresco e agrumato, sposa alla perfezione il gusto caldo e deciso del cioccolato fondente. Volevamo riproporre questa meravigliosa sensazione e assaporarla in un dolce, così è nata questa incantevole crostata vegana al cioccolato e arancia!

Per questo dessert al cioccolato, solo ingredienti di prima scelta!

La scelta delle materie prime è sempre fondamentale. Prediligere ingredienti di qualità cambia le sorti di qualsiasi piatto, che seppur semplice sorprende per la propria bontà! Per questa torta vegana al cioccolato abbiamo seguito lo stesso principio! Tutti gli ingredienti, dalle arance di Sicilia al cioccolato fondente al 70%, sono stati scelti con cura e amore, per non lasciare nulla al caso!

Una torta cioccolatosa che non delude mai

Questa crostata al cioccolato vegana, non è altro che una crostata preparata con una frolla al cacao e una mousse al cioccolato realizzata utilizzando come base una crema pasticcera vegana. Il trucco per renderla speciale sta non solo nella materia prima utilizzata, ma nella sua freschezza e quel tocco speciale dato dalla scorza di arancia grattugiata sulla lucida superficie della mousse al cioccolato!
torta al cioccolato e arancia vegan

Un dessert, tantissime varianti!

Come possiamo preparare una crostata al cioccolato che sappia stupire tutti?
Vi suggeriamo di variare questa ricetta scegliendo un agrume diverso dall’arancia! In alternativa all’arancia si può utilizzare il bergamotto, il cedro, il pompelmo, il limone, il kumkwat, il lime o il mandarino! Insomma, ne avete tante di possibilità per creare la variante che preferite… con il cioccolato stanno bene tutte!

Ancora più golosa di una classica pasta frolla vegana, vi proponiamo una versione molto cioccolatosa con questa squisita frolla vegana al cacao!

La pasta frolla vegan al cioccolato, più golosa di così non si può!

State già pensando a biscotti, crostate, torte di ogni genere e tipo? Allora siete proprio dei golosi come noi! Con questa ricetta della frolla al cacao 100% vegetale potrete sbizzarrirvi creando dolci veg davvero fantastici!
Imparerete come preparare una frolla friabile, leggera e davvero davvero buona.

Dolci vegani senza burro, latte e uova: accettiamo la sfida!

Non ci servono burro, latte, uova, ma nemmeno margarina o zucchero bianco per preparare dolci e dessert indimenticabili come questa frolla al cioccolato! La natura ci dona tutti i migliori ingredienti per realizzare leccornie di ogni tipo prive di colesterolo e grassi saturi, dannosi per la nostra salute. Scegliendo di alimentarci in maniera consapevole, facciamo il meglio per noi stessi e per gli altri (animali compresi)!

Provate allora anche la nostra ricetta di base della frolla vegana o altre ricette di base di pasticceria come la crema pasticcera vegan o la ricetta del pan di Spagna vegano!

E non dimenticate di provare la nostra torta cioccolatosa al profumo d’arancia, preparata proprio con questa pasta frolla al cacao vegan e una golosissima mousse al cioccolato e arancia! Una favola da preparare (e ripreparare) per la gioia di tutti!

Abbiamo preparato una granita dissetante e leggera, perfetta per le giornate più calde, da fare a casa con pochi e semplici ingredienti. Può diventare un dessert con poche calorie o un fresco spezzafame estivo da condividere con amici e con tutta la famiglia!

La granita fatta in casa, un gioco da ragazzi!

Preparare una granita senza gelatiera non potrebbe essere più semplice: in questa ricetta, proponiamo una granita fresca e profumata, ma soprattutto colorata grazie alla presenza dei fiori edibili.
Se non possedete una gelatiera, potrete comunque prepararla, utilizzando semplicemente degli strumenti di uso quotidiano presenti in qualsiasi cucina come il freezer e un cucchiaio!

Granita al limone fatta in casa: l’alternativa con l’estrattore

Se avete in casa un’estrattore potreste utilizzarlo come gelatiera per preparare una deliziosa granita fatta in casa.
Come si fa? Il procedimento è molto intuitivo: dopo aver mescolato il succo di limone, l’acqua, i petali e lo sciroppo, versate il tutto in degli stampi da ghiaccioli, possibilmente di forma allungata. Dopo 6-8 ore in freezer, tritate i ghiaccioli con l’estrattore e otterrete una granita eccezionale.

La granita, uno dei dolci freddi vegani più facili

Grazie a questa ricetta, potrete provare tantissime altre combinazioni per preparare granite fatte in casa diverse tutti i giorni a seconda degli ingredienti che avete a disposizione!
Ecco alcune delle nostre abbinate preferite:
– granita al limone e menta
– granita di fragole e lamponi
– granita di anguria
granita al caffè

A volte basterebbe una fetta di torta per cambiarci la giornata, per renderci felici. In giornate di sole e venticello fresco è un piacere preparare un dolce come questo, la torta frangipane con le pesche, servirla sul tavolo da giardino con una bottiglia di limonata appena tolta dal frigo.

La torta frangipane, un altro classico rivisitato

La ricetta originale della torta frangipane non è assolutamente vegana. Come potrete ben immaginare in quella tradizionale burro, uova, latte… non mancano. Ho preparato questa torta, rivisitandola secondo i miei principi e gusti, per il compleanno di una persona che per me identifica in tutto e per tutto la cucina tradizionale, mia nonna Lella.
In 79 anni, però, la nonna non ha mai (e sottolineo mai) preparato un piatto seguendo pedissequamente la ricetta: rincarava le dosi, aggiungeva spezie, incrociava due o più versioni di un piatto, dimenticava ingredienti… Ma il risultato era sempre eccezionale.
Così non mi sono sentita poi così fuori luogo nel presentare un dolce classico, rivisitato in chiave vegana. Tutti hanno apprezzato, soprattutto il nonno, che si è preoccupato di far sparire l’ultimo quarto rimasto dopo i festeggiamenti.

La farina di mandorle, la chiave di questa magnifica torta

Proprio come nella ricetta originale, anche in questa torta vegana utilizzeremo la farina di mandorle per la crema con cui farcire la frolla.

Consigli

Se già non lo avete capito leggendo le altre ricette di dolci di questo sito, è sempre bene avere un pacchetto di farina di mandorle in dispensa per preparare tantissimi dessert e torte. Per abbattere i costi di questo prodotto, vi consiglio di prepararvela da soli acquistando le mandorle e rendendole farina con l’aiuto di un buon mixer da cucina.

Tutti, ma proprio tutti, conoscono la famosissima Sachertorte, la torta al cioccolato per antonomasia, inventata da Franz Sacher a Vienna in Austria per Klemens von Metternich nel 1832! Forse però, quello che non tutti sanno è che si può preparare la torta sacher vegan, quindi senza utilizzare né uova, né burro nell’impasto. Se vi è già venuta l’acquolina in bocca, allora affrettatevi a provare la nostra ricetta della sacher vegan!

Sacher vegan: la torta al cioccolato vegana da sogno!

Non è solo una torta al cioccolato vegana: questo dolce vegano conquista anche i più attenti alla ricetta tradizionale della Sachertorte, la torta al cioccolato più famosa in assoluto.
Pur trattandosi di una rivisitazione della ricetta originale che non prevede derivati animali, la torta sacher vegana non solo appaga per il suo sapore ma incanta con il suo splendido aspetto! Questa ricetta vi darà la soddisfazione di realizzare una torta di alta pasticceria con le vostre mani nella vostra cucina casalinga.

La torta sacher vegan, la regina dei dolci vegani

Perché la regina dei dolci vegani? Non solo per le sue origini storiche, ma soprattutto perché la sua preparazione contiene in sé due ricette di base della pasticceria vegana che possono essere molto utili anche prese separatamente, ovvero la base per torta al cioccolato vegana e la glassa al cioccolato vegana. La prima può servirvi per preparare squisiti muffin o un dolce al cioccolato veloce, mentre la seconda è la copertura ideale per pasticcini o dolci golosi!

Consigli e trucchi per una sachertorte da favola

Per una torta sacher perfetta ricordate alcuni accorgimenti importanti:
– utilizzate ingredienti di prima scelta, possibilmente bio, dalle farine, al cioccolato, fino alla marmellata per la farcia.
– per ottenere una torta morbida, non mescolate eccessivamente l’impasto quando incorporate gli ingredienti altrimenti il risultato che otterrete sarà quello di un dolce molto compatto e poco friabile.
– fate raffreddare la torta su una gratella per dolci, poi, una volta fredda non lasciatela all’aria, o si seccherà eccessivamente. Farcitela, copritela con la glassa e lasciatela in frigo in un contenitore chiuso.

La pastiera napoletana… un dolce da leccarsi i baffi solo a pensarci. E dai mille sensi di colpa solo a mangiarla! Un peccato di gola di cui, dopo un pranzo di Pasqua consistente, non potremmo comunque fare a meno. Eppure una soluzione c’è. Ecco perché abbiamo pensato ad una versione vegan della pastiera napoletana. E poi… quale occasione migliore per una ricetta cruelty-free?

La storia della mia pastiera vegan

Eravamo a Lucca, durante il weekend di meditazione e cucina vegana, e con Carmen, nostra amica e allieva di Napoli, si discuteva sulla possibile rivisitazione della pastiera napoletana vegan.

Beh, la serata era davvero favolosa, sulle colline, con tutte le luci della città come panorama, il vino era buono ed evidentemente avevamo buona ispirazione, fatto sta che abbiamo ipotizzato la ricetta che ora vi condivido. Sia a Carmen (in Campania) che a me (qui in Veneto) sembra essere riuscita davvero bene!

(Un abbraccio di cuore a Carmen che ha condiviso con me la sua versione della pastiera senza uova, latticini… e senza tofu!)

Pastiera: ricotta o crema pasticcera?

Se di rivisitazione stiamo parlando, la nostra ricetta vegana della pastiera non può che essere con la ricotta (ricotta vegan ovviamente!). Nonostante la crema pasticcera stia prendendo sempre più piede nella preparazione della pastiera, la versione originale e più casereccia prevede l’uso della ricotta nell’impasto del ripieno.

La nostra ricotta vegana sarà composta da mandorle, anacardi e latte di mandorla. Come da tradizione, quindi, sarà questo composto ad essere unito a grano cotto, zucchero, scorza di limone e acqua di fiori d’arancio.

E se volete aggiungervi i canditi o l’uvetta, fatelo a vostro piacimento.

Leccatevi i baffi… ma via i sensi di colpa!

N.B.: La nostra ricetta della pastiera vegana è senza tofu! La ricotta (nella ricetta il procedimento di preparazione) sostituirà appieno la cremosità del tofu, e ci aggiungerà la consistenza adatta ad essere mescolata con il resto degli ingredienti.

La ricetta della Baklava, un dolce delizioso, con radici in tutti i balcani, dalla Serbia all’Albania, fino arrivare più giù nel Mediterraneo tra Grecia e Turchia.
Ogni variante della baklava merita di essere assaggiata e riassaggiata: questa è la mia versione preferita, come sempre un po’ personalizzata e vegan al 100%!

La ricetta della baklava, un dessert con una lunga storia

Chi ha viaggiato nell’Asia Occidentale, nei paesi del Mediterraneo orientale o ha visitato i paesi Balcanici non può non aver incontrato nel proprio cammino una baklava! Questo dolce a base di pasta fillo, sciroppo e tanta frutta secca è l’orgoglio dei pasticceri di queste regioni che ognuna a modo suo ha sviluppato la sua ricetta tradizionale nelle più diverse forme e varianti.
Questa ricetta della baklava è forse quella che preferisco, quella che ricollego alla mia infanzia, alle colazioni in estate in riva al mare, alla Grecia e alla Croazia.

Baklava: ricetta tradizionale e ricetta vegana

Non esiste una Contesa ricetta tradizionale baklavaunica per la baklava: sono molte le zone del mondo in cui questa viene preparata e sono in molti a rivendicarne la paternità. Ingredienti immancabili sono la frutta secca e la pasta fillo, caratteristica peculiare la sua marcata dolcezza e umidità data dall’utilizzo del miele e dello sciroppo di zucchero. La forma può cambiare: la baklava può essere porzionata a quadratini, a triangoli o a rotolini.
Questi tratti tipici non vengono a mancare nella versione della baklava vegana che vi propongo qui sotto, poiché l’unico ingrediente che non si utilizza è il miele, mentre lo zucchero bianco viene sostituito da quello di canna.
Per quanto riguarda la frutta secca, questa è solo una versione: prendetela come spunto per giocare con la frutta! Provatela con i pinoli, con le uvette o con i pistacchi!
Dopo un paio di tentativi individuerete la baklava dei vostri sogni.

Consigli e trucchi per una baklava super!

La baklava è uno dei dolci freddi vegani più golosi: si abbina benissimo a un sorbetto o del gelato al limone, delle arance rosse appena sbucciate o delle fette di freschissimo melone. L’importante è non abbinare alla baklava qualcosa di troppo dolce, ma indirizzarsi invece verso qualcosa di fresco che sciacqui la bocca e faccia venir voglia di assaggiarne ancora un altro boccone!
Per questo dolce principe della pasticceria vegana, il mio trucco è quello di versare lo sciroppo bollente non appena la baklava è uscita dal forno, ancora rovente e secca. In quel momento avviene la magia e il dessert conquista un sapore senza pari!

Tra le ricette vegane di base che non potevamo non citare, c’è certamente questa ricetta della crema al limone senza latte, utile per moltissime ricette dolci come crostate, muffin farciti o pasticcini vegani, ma deliziosa anche da gustare da sola nella sua semplicità con della frutta fresca o dei biscotti.

La miglior ricetta della crema al limone senza latte

Abbiamo trovato per voi la ricetta ottimale della crema al limone senza latte, il giusto equilibrio tra dolcezza e acidità.
Gli ingredienti e la tecnica di preparazione sono molto simili quelli di una crema pasticcera vegana, ma sono stati dosati a puntino per poter bilanciare l’acidità del limone, in modo che non fosse troppo pungente o troppo delicata.
Per questa ricetta non viene utilizzato il latte vaccino, ma il latte di soia, quindi adatto a chi è intollerante al lattosio o che, per ragioni etiche o salutistiche, desidera gustare un’ottima crema al limone vegan. Per chi volesse evitare la soia, è possibile sostituire la bevanda di soia con la stessa quantità di latte di avena o di riso, preparando così una crema al limone gluten free.

La crema al limone vegan e i suoi mille utilizzi in pasticceria

Che stiate cercando una ricetta di crema al limone per una merenda veloce o che vogliate una preparare una crema al limone per crostata, troverete questa ricetta davvero molto semplice ed versatile!
Gli impieghi di questa semplicissima crema al limone senza latte e uova sono davvero tanti:
pensate che con questa ricetta potrete farcire una crostata (preparata magari con la nostra ricetta della pasta frolla vegan), farcire dei golosi muffin integrali, preparare dei pasticcini con la frutta fresca, riempire saccottini e croissant, decorare e farcire una buonissima torta di mele vegan o un bel plumcake al limone senza glutine!
Le possibilità sono pressoché infinite, quindi, libero spazio alla fantasia!

Per preparare una buona pasta frolla per biscotti e crostate fragranti e friabili, senza utilizzare derivati animali, vi raccontiamo la nostra ricetta della pasta frolla vegan.
Questa pasta frolla senza burro e senza uova, è altrettanto morbida e gustosa, ed è perfetta per chi è intollerante al lattosio o chi segue una dieta vegana.
Sostituire il burro e le uova è molto semplice: si utilizzano solo ingredienti genuini e facili da reperire, e si ottiene un’ottima pasta frolla vegana!

Pasta frolla vegan: la pasta frolla senza burro e senza uova

Gli amanti dei frollini, pasticcini, crostate e biscotti che desiderano utilizzare ingredienti naturali ed esclusivamente vegetali, troveranno questa ricetta non solo deliziosa ma anche di facile realizzazione.
Infatti, come forse molti già sapranno e avranno sperimentato, è possibile preparare una pasta frolla senza burro, utilizzando l’olio di semi spremuti a freddo come alternativa, ma l’uovo? E’ possibile una pasta frolla senza uova? Certo che sì! In più, la nostra ricetta della pasta frolla vegan non contiene margarina prodotta industrialmente che spesso contiene olio di palma e altri oli vegetali non idrogenati.

La pasta frolla, una delle ricette di base della pasticceria vegan

La rete ci offre tantissime soluzioni per sostituire la pasta frolla tradizionale con una pasta frolla morbida e leggera, senza burro, senza uova e nessun derivato animale.
Quella che trovate qui sotto è la nostra miglior ricetta per la pasta frolla vegan, quella che richiede meno passaggi, la più malleabile e che dà ottimi risultati!
Con questa ricetta potrete diminuire (o cessare!) l’assunzione di derivati animali e farina raffinata ottenendo una frolla davvero spettacolare!

Consigli

La pasta frolla vegan, non contenendo burro ma olio, risulterà più morbida nel momento della stesura, per esempio, di una base per crostata. Consigliamo quindi di lasciarla appallottolata nel frigo almeno un’ora prima di stenderla, di tamponare l’olio in superficie con della carta assorbente e di aiutarsi con due fogli di carta da forno per stenderla.

Queste frittelle di Carnevale vegane non sono altro che dei piccoli, rotondi e deliziosi bocconcini dolci per accompagnare il Carnevale e festeggiare in compagnia! Tra le varianti esistenti, abbiamo scelto la versione delle Fritole Veneziane poiché è la ricetta che più mi riportava ai gusti dell’infanzia e ai bellissimi ricordi del magnifico Carnevale di Venezia!

La ricetta delle frittelle di Carnevale vegan

Le frittelle di Carnevale sono un dolce rinomato per la sua simpatia e golosità, che ritroviamo lungo tutto lo stivale in diverse varianti. Famose sono le frittelle sarde e le castagnole, ma quelle che vi proponiamo sono più vicine alle fritoe o fritole veneziane, che prevedono l’aggiunta di uva passa, mela e pinoli.
In più, con questa ricetta preparerete delle frittelle di Carnevale molto speciali seguendo un procedimento molto simile a quello tradizionale ma variando gli ingredienti per renderle vegane al 100%.
Tra tutte le ricette vegane di dolci, questa non può assolutamente mancare nel vostro ricettario!

Le frittelle senza uova e senza burro, come si preparano?

Per rendere questo dolce della tradizione italiana possibile anche per la pasticceria vegana, dobbiamo ricorrere ad alcune sostituzioni per ottenere delle frittelle soffici e leggere, ma soprattutto buonissime, che non contengano nessun derivato animale.
Per questo, prepareremo delle frittelle senza uova e senza burro, andando a sostituire la farina 00 con della farina 1 e della farina di grano duro, dopodiché il burro sarà sostituito con dell’olio di semi spremuto a freddo e faremo a meno delle uova grazie all’utilizzo di un preparato a base vegetale chiamato Senz’uovo.

Speriamo che apprezzerete queste golosissime frittelle di Carnevale, un dolce semplice e divertente, da gustare in famiglia o durante una bella festa tra amici vestiti in maschera!
E se vi saranno piaciute, allora non perdetevi nemmeno la nostra ricetta delle chiacchiere vegan!