Il lucro sui prodotti per celiaci: appello di una mamma

Il prezzo riportato sull’etichetta dei prodotti per celiaci è un prezzo giusto? Marina Pellizzari, una donna di Verona, celiaca e mamma di un bambino celiaco, ha lanciato un’appello sulla piattaforma web change.org, per attirare l’attenzione del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. La richiesta di questa mamma è molto semplice: che i buoni spesa da 100 euro che vengono erogati dallo stato ogni mese, siano spendibili anche al supermercato e non solo in farmacia. In Italia si contano più di 135mila celiaci, 12mila di questi hanno subito aderito alla campagna iniziata da Marina. L’indignazione deriva dal prezzo esorbitante dei prodotti senza glutine. “Non mi piace il fatto che si lucri sulla celiachia – scrive Marina nella presentazione della petizione su change.org – non si può pagare un chilo di farina che è semplicemente un misto di farina e amido di riso e mais 6,70 euro, è un furto”. I prodotti per celiachi, inoltre, che non sono affatto medicinali, ma prodotti con ingredienti selezionati per incontrare l’esigenze di chi è intollerante al glutine, in farmacia si vendono a un prezzo nettamente maggiore rispetto al quelli del supermercato. Nonostante ciò, la spesa annua di un celiaco risulta molto più costosa rispetto a chi non ha problemi di intolleranze. Questo può essere un elemento scoraggiante nel momento degli acquisti e che limita le scelte economiche di chi non per sua volontà non può consumare prodotti contenenti glutine. L’appello di Marina, indirizzato al ministro Lorenzin, è una richiesta di equanimità, nella speranza che lo stato intervenga perché non si speculi più sui prodotti per celiaci.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *