La classifica delle FAQ per vegetariani! La classifica delle domande più fastidiose a cui i vegetariani devono rispondere!

Da un giorno all’altro amici, parenti e colleghi si sono messi a discutere, questionare e analizzare attentamente la vostra dieta. Ad un certo punto della nostra vita, abbiamo cominciato a dover rendere conto agli altri del nostro apporto proteico, della nostra etica e della nostra conoscenza del mondo animale. Improvvisamente abbiamo dovuto discutere di argomenti molto specifici come di ecologia, economia e religione con gli stessi amici con cui prima parlavamo delle vacanze, di lavoro o dell’ultimo film visto. E’ capitato poi che, di punto in bianco, quegli stessi amici e conoscenti diventassero esperti nutrizionisti, storici e scienziati. Ma che abbiamo fatto? Che è successo? La risposta è semplice: siamo diventati vegetariani!

Ecco la nostra classifica delle domande più frequenti e fastidiose che un vegetariano si sentirà fare una o più volte al giorno e per le quali dovrà essere in grado di rispondere nella maniera più spensierata e ironica possibile.

1. Ma sei vegetariano perché non ti piace la carne?

Non sempre è una questione di gusti. Molto più spesso si tratta di una consapevolezza maggiore di quel che si compra, mangia e di come funzionano gli allevamenti e la pesca.

2. Però il pesce lo mangi, vero?

No. Anche se non “parlano”, non allattano e non sembrano espressivi come un agnello o un maiale, anche i pesci, i molluschi e i crostacei sono essere viventi che soffrono quando vengono pescati e uccisi. Molti tipi di pesce, come aragoste, granchi e polipi, vengono cotti ancora vivi.

3. Nemmeno tonno e prosciutto?

No. Le scatolette di tonno sono pesce (non crescono sugli alberi) e il prosciutto si produce dalla carne di maiale.

4. Ma allora le proteine dove le trovi?

I vegetali e i legumi, a parità di peso, contengono una percentuale molto più alta di proteine della carne. Basta informarsi un po’!

5. E come fai ad andare a mangiare fuori?

Purtroppo questo è un tasto dolente. Mangiare fuori casa non è sempre semplice soprattutto se si è invitati a matrimoni, banchetti o conferenze. Di solito, si fa quel che si può chiedendo un’alternativa in linea con le nostre scelte.

6. L’uomo è onnivoro per cui per sua natura deve mangiare la carne!

L’uomo ha cominciato a mangiare gli animali perché aveva fame, quindi è diventato onnivoro per potersi sfamare e sopravvivere. Questa sua natura non carnivora è dimostrata dalla forma del suo intestino (simile a quello degli erbivori) e dalla sua dentatura (con canini molto più piccoli rispetto a quelli di un leone o di una tigre).

7. Gli animali da allevamento sono nati per essere mangiati!

Gli animali d’allevamento non sono nati per essere mangiati, ma piuttosto sono stati fatti nascere per essere mangiati. Non si sono costruiti gli stabilimenti e le gabbie in cui vivono e non muoiono naturalmente dopo uno o due anni oppure dopo alcuni mesi.

8. Non ti senti debole e fiacco?

Non direi! I vegetariani, come tutti del resto, devono seguire una dieta varia ed equilibrata. Detto questo, per sentirci energici bisogna innanzitutto praticare attività fisica, mangiare sano e limitare al massimo lo stress. In più, non mangiando carne evitate di sottoporre il vostro corpo a una digestione che dura dalle quattro alle 6 ore! Quella sì che è una faticaccia!

9. Ti dà fastidio se mangio carne vicino a te?

Raramente un vegetariano di sua spontanea volontà si allontanerà da un amico che mangia un petto di pollo. Decidere cosa si preferisce mangiare è una scelta personale, e come tale va rispettata, ma non c’é nessun bisogno di sentirsi in colpa!

…e voi?

E voi? Vi ritrovate in questa classifica? Quali sono le domande o le affermazioni con cui avete più avuto a che fare? Fatecelo sapere, lasciando un commento qui sotto!

Intanto, invitiamo tutti a godere del piacere del cibo sano, equo ed etico, un tipo di cibo che fa bene a tutti e male a nessuno!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

6 commenti
  1. MARIA
    MARIA dice:

    sALVE A TUTTI.
    A ME SONO STATE RIVOLTE ALTRE DOMANDE: E CHE VI MANGIATE? E SOPRATUTTO MI HANNO MASSACRATO PER IL DISCORSO DEL FERRO CHE A PRONTO UTILIZZO CE L’HA SOLO LA CARNE E MIA FIGLIA 12 ENNE IN QUESTO PERIODO E’ STANCA E SVOGLIATA E QUINDI MI STANNO VENENDO MIGLIAIA DI DUBBI. AIUTOOOOOO

    Rispondi
    • Antonia Mattiello
      Antonia Mattiello dice:

      Ciao Maria!
      Dato che sei preoccupata per la quantità di ferro che assumi nella tua dieta, ti consigliamo questo articolo in cui troverai gli alimenti contenenti più ferro e il confronto con i più comuni tagli di carne. http://www.lacucinavegetariana.it/le-fonti-vegetali-di-ferro/
      Per tua figlia, la stanchezza e la spossatezza possono essere dovute non solo a delle carenze alimentari ma anche ad altri fattori come alla sua età, al tipo di attività fisica… Se questi disturbi persistono, è bene consultare un medico!

      Rispondi
  2. Kyaryna
    Kyaryna dice:

    Un’altra domanda frequentissima e anche piuttosto polemica è “ma non hai sentito che studi recenti dicono che anche le piante soffrono?”

    Rispondi
  3. Nicoletta
    Nicoletta dice:

    Ora che non possono più dire “senza carne non si vive”, visto che la realtà li contraddice, cercano altre scuse più complicate… ma sempre basate sull’egoismo.

    Rispondi
  4. Stefania Monte
    Stefania Monte dice:

    Bell’articolo! Inizialmente rispondevo sempre in modo educato, cercando di spiegare le mie ragioni. Anzi mi faceva, e fa, piacere parlare di un regime alimentare che tende a minimizzare lo sfruttamento degli allevamenti ed è più salutare. Ma devo dire che la mia pazienza ha un limite e se chi mi pone domande lo fa non per informarsi seriamente ma con l’intento di giudicare la mia alimentazione o prendermi in giro, ecco che partono riposte non molto “diplomatiche”. Tipo, “ma io guardo cosa hai tu nel piatto?”, o “si beh, ne riparleremo quando sarai in cura per diabete e gotta”. Troppo cattiva? 😛

    Rispondi
    • Chef Martino Beria
      Chef Martino Beria dice:

      Ciao Stefania! Non credo tu sia troppo cattiva. Il fatto è che per noi vegani c’è tolleranza 0, quando poi passiamo come intolleranti noi!
      Credo comunque che l’esempio sia la chiave vincente: se ci dimostriamo persone equilibrate e buone e diamo a vedere che la nostra alimentazione è sana, colorata e gustosa, alla fine sicuramente potremo essere presi come un modello da seguire!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *