Tempeh, un’altra alternativa alla carne

Secondo alcuni studi, per produrre 1 kg di carne, impieghiamo 16 kg di grano e circa 1000 litri di acqua, sfamando circa 2 persone. Con la stessa quantità di grano si sfamano 20 persone. Solo questi numeri dovrebbero far tornare i conti, perché se la matematica non è un opinione, non lo è neanche la fame.

Il tempeh è il prodotto della lavorazione del fagiolo giallo di soia. L’origine di tale alimento è da ricondursi all’isola di Giada, una delle isole dell’Indonesia. I fagioli vengono cotti e successivamente aggiungendo un componente acido (aceto o succo di mela) e un fungo il Rhizopus oligosporus, si avvia la fermentazione.

Il fagiolo di soia, utilizzato per il tempeh, è povero di grassi e ricco di proteine, vitamine, calcio, ferro e vitamine del gruppo B, quelle che si narra siano assenti in una dieta vegana e riconducibili solo alla carne. Inoltre il processo di fermentazione rende questo alimento particolarmente digeribile e riduce drasticamente le sostanze responsabili della formazione di gas intestinale.

Una buona notizia per il gentil sesso è che i fagioli di soia hanno un elevata concentrazione di isoflavoni, elemento naturale utile nella prevenzione dell’osteoporosi e dei disturbi legati alla menopausa. Altro amico delle donne sono le saponine, che con la loro presenza rafforzano il sistema immunitario e hanno un effetto stimolante sul metabolismo.

Il tempeh è facilmente reperibile presso i negozi di prodotti biologici. Lo si trova sotto forma di panetto compresso. Si suggerisce il suo utilizzo tagliandolo a fette sottili oppure a piccoli cubetti, avendo un sapore intenso, che richiama la frutta secca o i funghi.

Ma per mani d buona volontà, il tempeh è anche possibile farlo in casa, in quanto non richiede lavorazioni complesse o ingredienti introvabili. La fermentazione richiede un tempo di circa 48 ore e una temperatura di 30°/32° facilmente riconducibile ad un forno chiuso con una pentola di acqua calda dentro.

Scegliere il tempeh come alternativa alla carne è un compromesso più che soddisfacente non solo per la nostra salute, ma anche per il nostro palato.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *