Fiori di sambuco: proprietà e benefici

I fiori di sambuco si possono trovare molto facilmente in ogni parte d’Italia, dal momento che crescono sia in zone montante sia in zone pianeggianti. Se durante una bella giornata di primavera state facendo una passeggiata e trovate degli alberi di sambuco in fiore, vi consigliamo di raccoglierne un po’ in vista dell’inverno.

Come si riconosce il sambuco

Il sambuco (nome scientifico Sambucus Nigra) è un arbusto che non supera i 4 metri di altezza e che quando fiorisce presenta dei piccoli mazzetti di fiorellini color bianco crema, molto profumati, simili a piccole stelline.

Come si utilizzano i fiori di sambuco

Facendo attenzione a non sciuparli, raccogliete dei rametti di fiori ben sbocciati. Raggruppateli con dello spago in mazzetti da 2 o 3 rametti e fateli seccare all’ombra appesi a un filo. Man mano che si seccheranno, il gambo perderà volume e potrebbero cadere, perciò consigliamo di stringere lo spago di tanto in tanto. Dopo 2 settimane, a seconda dell’umidità presente nel luogo dove li avete messi ad essiccare, potrete riporre i fiori di sambuco, privati del gambetto, in un vaso di vetro o in un sacchetto di carta e conservarli al riparo della luce. Però, non dobbiamo essere frettolosi: se i fiori non si saranno seccati per bene, una volta chiusi nel vaso potrebbero produrre condensa e causare la formazione della muffa!

Proprietà dei fiori di sambuco

L’impiego terapeutico delle bacche di sambuco risale a migliaia di anni fa. Preparare un infuso di fiori di sambuco stimolerà la sudorazione e quindi viene consigliato nel trattamento delle malattie riguardanti l’apparato respiratorio. Grazie alla presenza di flavoni, i fiori di sambuco hanno proprietà benefiche anche per la cura delle vene e dell’apparato circolatorio in generale. Utilizziamo la tisana di fiori di sambuco per curare il raffreddore, l’asma, la tosse e i reumatismi.

Seguici su facebook, twitter, pinterest.

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] i fiorellini di sambuco, profumano non solo le tisane, ma le marmellate e rendono speciali anche paste e […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *