Amaranto: dalla natura al piatto

Amaranto: dalla natura al piatto

Per ottimizzare una dieta sana ed equilibrata ci viene in aiuto l’amaranto, antico alimento naturalmente privo di glutine e prezioso alleato per la nostra vitalità.

È ormai un dato di fatto che nella nostra società stanno crescendo sempre più patologie legate a disfunzioni digestive e intestinali, soprattutto in relazione al morbo celiaco e alla sensibilità al glutine. Come sempre la soluzione ci viene offerta dalla sapiente natura che ci offre moltissime possibilità di scelta, molto interessanti e diverse rispetto ai tradizionali cereali e derivati, ormai tristemente indigesti a gran parte della popolazione mondiale. Una di queste alternative è l’amaranto, pianta originaria del centro America dai chicchi piccoli e tondeggianti che ricordano i cereali.

Di origine molto antica, coltivato già presso le civiltà precolombiane, il genere Amaranthus vanta moltissime varietà delle quali tre considerate più produttive: il Caudatus, il Cruentus, l’Hypocondryacus.

In origine era molto apprezzato dagli Aztechi, dai Maya e dagli Incas per le sue elevate proprietà nutrizionali, energetiche e curative, tanto che veniva utilizzato anche nella celebrazione di riti religiosi e propiziatori. Questa pianta, come il grano saraceno, la quinoa e la manioca, sebbene assomigli ad un cereale, non lo è poiché non fa parte delle graminacee.

Reintrodotto in commercio sul finire del secolo scorso l’amaranto si contraddistingue per le sue ottime qualità, indispensabili per supportare una dieta priva di glutine, all’insegna della leggerezza e della salute. Ricco di proteine, di lisina e di sali minerali quali ferro, fosforo, calcio e magnesio si presta all’alimentazione di bambini e anziani, nonché nei casi di problemi intestinali e di convalescenza, poiché essendo ricco di fibre favorisce una buona digestione.

Dal sapore deciso e gradevole al palato si abbina con cereali, legumi e verdure per gustose ricette come minestre, polpette, insalate e molto altro.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] nutrizionali e impiego commerciale simile, in realtà è uno pseudo-cereale, come l’amaranto e il grano saraceno. La quinoa ha caratteristiche portentose: contiene tutti e 9 gli amminoacidi […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *