Le alghe in cucina

Le alghe hanno proprietà disintossicanti utili al fegato e ai reni, aiutano la digestione, grazie alla presenza di acidi grassi hanno una funzione antinfiammatoria e possono considerarsi perfino un alimento dimagrante dato che stimolano l’attività della tiroide accelerando il nostro metabolismo.

Alga Dulse:

È un alga dal color rosso/violaceo, molto ricca di ferro, potassio, magnesio, fosforo, sodio e iodio e di vitamine (C, B6, A). Contiene anche la lisina che favorisce le funzioni gastriche e digestive. Ottima contro lo stress e per il suo elevato contenuto proteico.

Alga Hijiki:

È un alga di color scuro quasi nero, ricchissima di minerali (34%) usata dalle donne in Giappone per rinforzare capelli e unghie data l’alto contenuto di calcio. Contiene anche ferro, potassio, iodio, fosforo e vitamine A, B1 e B2. Favorisce la circolazione e regola la pressione sanguigna.

Alga Kombu:

È un ottimo depurativo intestinale e un toccasana in caso di malattie degenerative, vascolari, polmonari e artriti. Regola la pressione sanguigna e l’apparato digerente. Contiene ferro, magnesio, iodio e vitamine del gruppo A, B e C. Ha, inoltre, come particolarità quella di ammorbidire la fibra degli altri alimenti come quella dei legumi.

Alga Nori:

Ha un elevato contenuto di proteine (30%), di vitamina C (una volta e mezza la quantità di vitamina C contenuta in un’arancia) e di minerali. Molto valida in diete per ipertesi, per la bassa quantità di sodio e iodio. Dal sapore delicato e leggermente tostato è prevalentemente usata nel sushi, ma è anche un ottimo condimento per insalate e verdure.

Alga Wakame:

È ricca di magnesio e ferro, in più, contiene vitamine del gruppo C e B. Ha un effetto disintossicante sull’organisimo e, come l’alga Kombu, rende più teneri i legumi in cottura, rendendoli così anche più digeribili.

Provate a aggiungere qualche alga nei vostri piatti (nelle insalate, nel brodo di verdure, nelle zuppe, nei cereali, ecc) e godete dei benefici che queste insalate di mare portano al nostro organismo, badando bene a non esagerare…diciamo che vanno consumate in quantità moderate al massimo due o tre volte a settimana. Particolare attenzione va portata, a seconda delle proprietà specifiche di ogni alga, se si soffre di ipertiroidismo.

Seguici su facebook, twitter, pinterest

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *