Riutilizzare le foglie di tè verde come fertilizzante

Visto che il riciclo non solo ci fa risparmiare, ma ci permette anche di apprezzare e conoscere i molteplici usi di un alimento o un oggetto, ecco come si fa a riutilizzare le foglie di tè verde come fertilizzante per le piante de vostro giardino o davanzale. A chi, come me, di tè ne beve parecchio, sembrerà un ottimo modo di impiegare gli scarti che solitamente buttiamo dopo esserci preparati una bella tazza bollente. Questo impiego, funziona sia con il tè in foglie, sia con quello in bustina. Per usarlo come fertilizzante ci sono principalmente due tecniche:

  • Si immergono gli scarti in un contenitore di acqua fredda per 2-3 ore, si scolano le foglie e poi si irrigano le pianticelle con quest’acqua.
  • Si possono mettere le foglie di tè verde usate direttamente sulla terra. Questa modalità è sconsigliata per le piante tenute dentro casa, poiché può generare muffe.

Le sostanze nutritive che noi non possiamo più ricavare dal tè verde dopo averlo usato, quindi, si rivelano molto utili per le nostre piante. Questo tipo di fertilizzante è particolarmente adatto per le piante acidofile come i pomodori, le melanzane, i peperoni e le rose. Le foglie di tè verde usate come fertilizzante, rispetto ai fertilizzanti chimici, non sono altrettanto potenti ed efficaci, ma ci consentono di riutilizzare ciò di cui già disponiamo, totalmente naturale, limitando così gli sprechi e risparmiando qualche soldino!

Seguici su facebook, twitter, pinterest

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *